sabato 20 gennaio 2018
Flash news:   Inaugurata la sede Caritas di Mercogliano, il Vescovo Aiello: “Luogo di ascolto e accoglienza”. Picca: “Tempi drammatici” Domani il vescovo Aiello all’inaugurazione della sede Caritas di via Matteotti Mercogliano Loreto Festival: ecco gli appuntamenti del 21 e del 28 gennaio Unpli Campania, sospeso il commissariamento. Perrotti: “Lavoriamo nell’interesse esclusivo dei territori” Congresso Circolo Pd di Mercogliano, eletto all’unanimità il segretario Giuseppe D’Angelo Settore Demografico al dipendente in quiescenza Argenio, Poerio: “Incongruenze macroscopiche” Affidata all’ex dipendente Argenio la guida del Settore Demografico di Palazzo di Città Calendario 2018, inviaci la tua foto più bella per i mesi del nuovo anno Grave il piccolo di Mercogliano nato in ambulanza, indaga la Procura Domani Tombola Solidale della Befana presso la Chiesa dell’Annunziata e San Guglielmo

Grave il piccolo di Mercogliano nato in ambulanza, indaga la Procura

Pubblicato in data: 8/1/2018 alle ore:15:55 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Ancora grave il bimbo nato sull’ambulanza della Croce Rossa di Avellino lo scorso 6 gennaio già in arresto cardiocircolatorio e attualmente in terapia intensiva. Il piccolo cuoricino aveva ripreso a battere grazie al lungo massaggio cardiaco praticato dal personale infermieristico. Il tutto è avvenuto al termine di una serata convulsa conclusasi con il ginecologo di turno al nosocomio avellinese picchiato dai familiari della partoriente. La madre del piccolo, 26enne serba residente a Mercogliano, si era recata presso la Città Ospedaliera insieme al marito accusando dolori addominali. Il ginecologo di turno, dopo averla visitata e sottoposta agli esami di rito che avrebbero escluso un imminente parto e fatto pensare ad una probabile colica renale, le avrebbe consigliato il ricovero in ragione dell’avanzato stato interessante ma la stessa donna avrebbe rifiutato firmando per le dimissioni. Il tutto è al vaglio degli inquirenti per appurare la realtà dei fatti. 
La donna ritornata a casa ha di nuovo accusato dolori sempre più insistenti tanto da chiamare il 118 ma l’ambulanza non fa in tempo a ritornare al Moscati che si ferma per far nascere il bambino. Il piccolo nasce ma non vi è battito, solo le manovre di soccorso e la professionalità degli uomini a bordo dell’ambulanza evitano il dramma. Immediatamente mamma e figlio vengono poi ricoverati, la prima in buone condizioni mentre il piccolo lotta tra la vita e la morte.
Una volta appreso quanto accaduto i familiari della partoriente hanno aggredito a calci e pugni il ginecologo visto solo poche ore prima riconducendo al professionista la responsabilità di quanto successo. A soccorrere il medico alcuni i colleghi, per le ferite riportate ne avrà per 20 giorni ma, al momento, non ha sporto denuncia.
Sul posto sono giunti gli agenti della squadra Mobile di Avellino per far luce sull’intera vicenda. 
Foto: repertorio

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche AtripaldaNews.it