Flash news:   L’attacante Luis Maria Alfageme nuovo tesserato dell’Avellino Domani sera per la Sidigas Avellino turno casalingo di Champions League Deve espiare la pena residua di 6 mesi: arrestato dai Carabinieri di Mercogliano Sospesa la gara tra Mercogliano e Marzano a Cesinali Vucinic:”ora siamo più forti, c’è unità e compattezza” La Sidigas Scandone batte Pistoia e chiude seconda il girone d’andata Avellino corsara con l’Albalonga: ci pensa Tribuzzi Strage bus, assolti i vertici di Autostrade tra le urla dei familiari delle vittime. Condanne per Lametta e Ceriola Bloccato pregiudicato napoletano nella notte dai Carabinieri in via Nazionale Torrette “Campo Aperto”, nuovo incontro in piazza a Torelli per denunciare la chiusura del teatro comunale

Morte al santuario di Montevergine, il cordoglio della comunità benedettina: “In un’ottica di sinergia istituzionale è in itinere la procedura che porti alla presenza di un defribillatore e di personale specializzato sul santuario”

Pubblicato in data: 25/10/2018 alle ore:13:46 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

La comunità benedettina di Montevergine esprime dolore e cordoglio alla famiglia del malcapitato pellegrino morto a pochi metri dagli spazi espositivi dei prodotti tipici del territorio. Una tremenda fatalità, che ha scosso i cuori di tutti i presenti al santuario.

Tuttavia, dopo il diffondersi di alcune notizie nelle ultime ore è giusto fare qualche precisazione. Ogni anno la comunità benedettina richiede all’ASL la presenza di un presidio medico e, anche quest’anno, su  richiesta, è stato accordato, con piena disponibilità da parte dell’Ente. Quest’anno in particolare, è stata inviata una seconda lettera per la proroga del servizio in previsione di un autunno di grande affluenza e, anche in questo caso, la domanda è stata accolta, a testimonianza della premura della comunità monastica a tutela della salute dei suoi visitatori.

L’abate Riccardo Guariglia e tutta la comunità benedettina si sono sempre prodigati per rendere adeguata  l’accoglienza ai devoti e ai visitatori, non solo dal punto di vista religioso e culturale ma anche e in termini di tutela della salute e della sicurezza.

A tal proposito, pur senza alcun obbligo o regolamento che lo imponga, da un po’ di tempo sono stati intrapresi rapporti di collaborazione con la Casa di Cura “Montevergine” in Mercogliano per suggellare un’intesa che prendesse in considerazione un percorso utile per garantire, in casi non solo di emergenza sanitaria, un adeguato servizio di immediato e continuativo intervento.

In un’ottica di sinergia istituzionale è in itinere la procedura che porti alla presenza di un defribillatore e di personale specializzato sul santuario.

 

 

 

 

 
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

Statistiche AtripaldaNews.it