alpadesa
  
Flash news:   Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di MercoglianoNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Rissa tra immigrati, paura e tensione a Mercogliano Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50 Lupi ancora sconfitti, contro la Paganese finisce 3-1 Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine. Donata una sciarpa al MAM e alla Pro loco Mercogliano Addio alla blogger, giornalista e insegnante Tina Galante

Reddito di cittadinanza, senza sussidio decine di famiglie in città

Pubblicato in data: 12/6/2010 alle ore:10:17 • Categoria: SocialeStampa Articolo

viale-mercoglianoReddito di cittadinanza, dopo il taglio netto e il blocco dei fondi deciso dalla giunta regionale di centrodestra, guidata da Stefano Caldoro, che ritiene inefficace e da annullare la misura voluta dal precedente governatore, Antonio Bassolino, scoppia la protesta anche in città.
A Mercogliano, nell’ambito del Piano di Zona Sociale A7, sono tante le famiglie che hanno usufruito finora del bonus: in tutto 350 euro al mese.
La scelta di tagliare il sussidio sta sollevando notevoli malumori tra i beneficiari del provvedimento che mirava ad aiutare le famiglie più disagiate e povere.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento