alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Chioschi Montevergine, riunione dei commercianti con il sindaco questo pomeriggio. D’Alessio: “Ci impegneremo per trovare tutte le soluzioni possibili” Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Spari contro auto di giovani a Mercogliano, sequestrata la vettura: Polizia a caccia di due sospetti Coronavirus, nuovo caso a Mercogliano: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Pentecoste, il 31 maggio Messa di ringraziamento per l’emergenza Coronavirus a Montevergine: invitati cittadini e famiglie colpiti dal virus Montervergine, riaperto ieri il Museo Abbaziale: intervista al direttore Don Giovanni Maria Gargiulo Funicolare, da domenica prossima riprendono le corse verso il Santuario

Assayas e il «Laceno d’oro» nel segno di Pasolini

Pubblicato in data: 17/12/2010 alle ore:14:00 • Categoria: CulturaStampa Articolo

L’arte di Pier Paolo Pasolini, il fondatore del Festival Internazionale del Cinema Neorealistico «Laceno d’Oro», ideato da Camillo Marino e Giacomo D’Onofrio, continua ad essere fonte d’ispirazione della filmografia internazionale. Una lezione attuale, ripresa ed attualizzata dal regista, sceneggiatore e critico cinematografico francese Olivier Assayas, che ieri sera, al Movieplex di Mercogliano, ha ritirato il Premio «Camillo Marino-Laceno d’Oro» alla carriera, consegnato dal sindaco Massimiliano Carullo. «Sono onorato di ricevere questo riconoscimento– ha detto ieri il regista – e mi sento parte della famiglia di registi prestigiosi che sono stati premiati qui, ad Avellino. Spero di continuare umilmente il lavoro di Pier Paolo Pasolini, la cui grande arte è stata la mia guida. Nello spirito del «Laceno d’Oro» riproposto dall’associazione «ImmaginAzione» di Antonio Spagnuolo, c’è uno sguardo al Neorealismo in chiave moderna, come elemento di congiunzione tra politica e società. Secondo me, si tratta di un genere che deve essere riformulato e reso attuale, come cerco di fare nei miei film».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento