Flash news:   Partiti i lavori di rifacimento del manto stradale di via Nazionale a Torrette Domenica torna la Camminata Rosa da Mercogliano ad Avellino. Foto A Mercogliano “Storie Sonore” storytelling culturale dal 1 e 15 ottobre Elezioni Politiche 2022, l’Irpinia premia il centrodestra: Gianfranco Rotondi alla Camera e Giulia Cosenza al Senato Torna in vigore l’ordinanza per gli abbruciamenti dei residui vegetali a Mercogliano Elezioni Politiche 2022, Oggi silenzio elettorale. Domani si vota: seggi aperti dalle 7 alle 23 Elezioni Politiche 2022, Gianfranco Rotondi chiude la campagna elettorale a Mercogliano. Foto Elezioni Politiche 2022, bagno di folla per la chiusura del Pd ad Avellino. Petracca: ”straordinaria partecipazione, abbiamo già vinto”. Foto L’Avellino batte il Messina, primi tre punti in campionato World Cleanup Day: successo a Mercogliano perla giornata contro l’inquinamento. Foto

Battaglia giudiziaria sul «chiosco» di carburanti in via Nazionale Torrette

Pubblicato in data: 12/2/2011 alle ore:14:15 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Continua la battaglia giudiziaria al Tar di Salerno in merito all’impianto di distribuzione di carburanti del tipo «chiosco» che la società Miti intende realizzare lungo la SS 7 bis, via Nazionale Torrette (foto) ma che il Comune contesta sotto il profilo sia della legittimità sia dell’opportunità. Con recente ordinanza, il Tar, a fronte di un nuovo diniego a firma del dirigente dell’Area di vigilanza nonché del dirigente dell’Area tecnica di Palazzo di Città, ha disposto una perizia tecnica, in contraddittorio delle parti, commissionata al Provveditorato alle Opere Pubbliche di Avellino. Sarà il dirigente dell’ufficio statale (o a mezzo di funzionario tecnico laureato dallo stesso delegato) a depositare in Tribunale la cosiddetta «verificazione». Il collegio giudicante (presidente Luigi Antonio Esposito, a latere i consiglieri Francesco Mele, estensore, e Francesco Gaudieri) vuole accertare, ai fini di decidere, la conformità o meno dell’ultimo progetto presentato dalla società ricorrente alle prescrizioni normative e regolamentari ritenute violate dal comune nell’originario provvedimento di diniego, risalente ad ottobre del 2009, nonché nell’acquisito parere dell’Anas. Dopo la «sospensiva» del Tar, emanata il 16 dicembre del 2009 il Consiglio di Stato, su appello dell’Amministrazione comunale, nell’udienza del 5 giugno del 2010 aveva riformato l’ordinanza cautelare di primo grado, evidenziando la necessità di attendere il verdetto di merito dei giudici salernitani. Ad avviso del comune, l’arteria interessata dal costruendo impianto, è già abbastanza congestionata (transito di 13mila veicoli al giorno). D’altra parte via Nazionale è caratterizzata da un alto indice di sinistrosità. In base ai rilievi del comune, l’impianto in questione risulta posizionato in zona di incanalamento di manovre veicolari e posto ad una distanza inferiore ai 15 metri (il rispetto di tale distanza non sarebbe controverso e nemmeno contestato dalla società Miti). Il Tribunale ha rinviato la camera di consiglio al 24 marzo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento