alpadesa
  
Flash news:   Non mandano la figlia a scuola: genitori denunciati dai Carabinieri di Mercogliano La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Festeggiamenti Unità d’Italia, incontro sulla Carboneria alla biblioteca “Campanello” di Torrette

Pubblicato in data: 25/3/2011 alle ore:08:30 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Oggi, 25 marzo, la biblioteca “P. Campanello” di Torrette di Mercogliano insieme all’associazione “Mercogliano e’ cultura” organizzano la giornata dedicata al 150° anniversario dell’Unita’ d’Italia dal titolo “la Carboneria a Mercogliano”.

Nella mattinata a partire dalle ore 10.00 intervengono il sindaco Massimiliano Carullo, la dott.ssa Loredana Conti, dirigente del settore musei e biblioteche della regione campania, la prof.ssa Maria r. Pelizzari dell’Universita’ di Salerno, la dott.ssa Elena Argenziano dell’Universita’ di Salerno e il dott. Fabio Evangelista, assessore alla Cultura del comune di Mercogliano.

Nel pomeriggio a partire dalle ore 15.30 sara’ proiettato il film “Noi credevamo” di Mario Martone cui seguira’ un dibattito aperto con tutti i partecipanti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento