alpadesa
  
Flash news:   Schianto tra Porsche e Panda, feriti mamma e due bambini Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Oggi pomeriggio la presentazione di mister Eziolino Capuano Le parole di coach De Gennaro alla vigilia della gara con la Virtus Arechi Salerno Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del Gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone

Ricchezza in Italia, Mercogliano il comune con reddito medio più alto in Irpinia

Pubblicato in data: 29/3/2011 alle ore:09:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

denaro1Tra i più ricchi d’Italia: l’Irpinia si riscopre in posizioni elevate a livello nazionale per quanto riguarda il reddito procapite.
Primato per la città di Avellino che forte di un reddito medio annuo di 26mila euro – la cifra è cresciuta del 5% nel quinquennio 2005/2009 – sono nella parte alta della classifica dei redditi. I dati sono stati pubblicati ieri mattina da «Il Sole 24ore», il più importante quotidiano economico-finanziario del paese ha reso noti anche i numeri dei 119 comuni irpini. Subito dopo Avellino è Mercogliano la città con il reddito medio più alta (24695 euro) mentre ad Atripalda il reddito medio è pari a 21.033,38.
Dalla graduatoria de «Il Sole 24ore» emerge un netto divario tra Nord e Sud.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento