alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Chioschi Montevergine, riunione dei commercianti con il sindaco questo pomeriggio. D’Alessio: “Ci impegneremo per trovare tutte le soluzioni possibili” Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Spari contro auto di giovani a Mercogliano, sequestrata la vettura: Polizia a caccia di due sospetti Coronavirus, nuovo caso a Mercogliano: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Pentecoste, il 31 maggio Messa di ringraziamento per l’emergenza Coronavirus a Montevergine: invitati cittadini e famiglie colpiti dal virus Montervergine, riaperto ieri il Museo Abbaziale: intervista al direttore Don Giovanni Maria Gargiulo Funicolare, da domenica prossima riprendono le corse verso il Santuario

Rifiuti, parte IrpinAmbiente. Il costo pro capite sarà di 127 euro

Pubblicato in data: 7/3/2011 alle ore:14:29 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

rifiuti_conferimento_camionLa società IrpiniAmbiente Spa con una nota spiega alcuni aspetti relativi al piano dei costi del sistema del ciclo dei rifiuti in provincia di Avellino, pronto ormai a partire. “Il costo pro capite di 127 euro – si legge in un comunicato stampa – rappresenta la semplice divisione tra tutti i residenti in Irpinia del costo totale del sistema, a cui va aggiunto il costo dello smaltimento dell’indifferenziato. Il costo complessivo del sistema, poi, sulla base dei regolamenti comunali, verrà ripartito, con aliquote diverse, sulle varie componenti cioè, tra famiglie, attività commerciali, attività industriali, ecc. Pertanto dire che le famiglie pagheranno euro 127,00 a componente del nucleo familiare è inesatto. Ancora, in relazione ad alcune notizie concernenti il mancato raggiungimento in alcuni comuni della Provincia di Avellino (Ariano, Grottaminarda e Mirabella Eclano) degli obiettivi di raccolta differenziata, quale causa dell’aumento dei costi del servizio, si precisa che ciò non risponde a vero. Tali amministrazioni stanno lavorando in piena sintonia con la società, ma che il problema principale dell’aumento dei costi riguarda tutti comuni della provincia in quanto gli obiettivi prefissati dalle linee regionali del 75% nel 2013 comportano servizi spinti di raccolta porta a porta su tutte le frazioni escludendo quasi completamente la raccolta stradale“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento