alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino

Aumento ticket mensa scolastica, la nota di Pasquale Ferraro (Pd)

Pubblicato in data: 1/4/2011 alle ore:09:31 • Categoria: Politica, PdStampa Articolo

In questa fase di crisi economica tutti sanno che il prezzo più alto lo stanno pagando le famiglie, in modo particolare quelle numerose e monoreddito. Evidentemente il sindaco Carullo e la sua giunta non vivono in Italia, e in nel mezzogiorno in particolare, visto che con la delibera di giunta n.56 del 12 marzo 2011 hanno aumentato i ticket per il servizi scolastici (mensa e trasporti). Con molto pudore parlano di semplice “adeguamento”, di fatto dall’anno scolastico 2011/2012 le famiglie dei ragazzi che frequentano le scuole di Mercogliano dovranno pagare di più per avere servizi essenziali, come se non fossero già bastati l’introduzione dell’addizionale comunale all’irpef (2005), l’aumento lineare della tarsu del 19%(2010) e l’aumento di tutti i tributi locali minori(2009). Nessuno vuole negare che i finanziamenti agli enti locali vengono costantemente ridotti ma va anche ricordato che gli sprechi abbondano. Per recuperare risorse da destinare ai servizi e alle politiche sociali basterebbe, ad esempio, che il sindaco riducesse il numero degli assessori (6), rinunciasse all’auto blu (Alfa 159 ministeriale superaccessoriata), andasse più spesso a lavorare limitando i rimborsi al proprio datore di lavoro per le assenze da carica pubblica (migliaia di euro all’anno che l’ente deve rifondere per le assenze dal lavoro degli amministratori) allo stretto indispensabile. Non contenti di aver prodotto tanti danni, nella seduta consiliare del 28/03/2011 la maggioranza ha bocciato la nostra mozione riguardante il quoziente familiare, uno strumento utile per alleggerire le sperequazioni nell’ambito delle prestazioni dei servizi e delle politiche sociali. Il quoziente familiare aiuta le famiglie anagrafiche più numerose a vedersi riconosciuti maggiori diritti rispetto al sistema attuale che ha come parametro di riferimento solo il reddito ed il modello Isee. Si è persa l’opportunità che avevamo offerto per lanciare un segnale di solidarietà e di aiuto concreto verso le tante famiglie che vivono in condizioni critiche, e che vorrebbero dalle istituzioni locali meno chiacchiere, meno manifestazioni e premiazioni e più fatti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento