Flash news:   Elezioni Politiche 2022, l’Irpinia premia il centrodestra: Gianfranco Rotondi alla Camera e Giulia Cosenza al Senato Torna in vigore l’ordinanza per gli abbruciamenti dei residui vegetali a Mercogliano Elezioni Politiche 2022, Oggi silenzio elettorale. Domani si vota: seggi aperti dalle 7 alle 23 Elezioni Politiche 2022, Gianfranco Rotondi chiude la campagna elettorale a Mercogliano. Foto Elezioni Politiche 2022, bagno di folla per la chiusura del Pd ad Avellino. Petracca: ”straordinaria partecipazione, abbiamo già vinto”. Foto L’Avellino batte il Messina, primi tre punti in campionato World Cleanup Day: successo a Mercogliano perla giornata contro l’inquinamento. Foto Arrestato per stupefacenti 69enne napoletano latitante: era ricoverato in una clinica Coppia denunciata a Mercogliano per furto di energia elettrica Un 50enne di Avellino e due 20enni di Mercogliano denunciati per “Furto aggravato in concorso”

Pasquale Ferraro (Pd): «Aumento massimo Irpef e riduzione minima indennità: questa è la coerenza dell’Amministrazione Carullo»

Pubblicato in data: 26/6/2011 alle ore:15:34 • Categoria: Politica, PdStampa Articolo

Il sindaco Carullo e la sua giunta sono, oramai, una fonte inesauribile di sorprese. Con la delibera n.126 del 07/06/2011, in applicazione della legge n.122 del 30 luglio 2010, si sono ridotti l’indennità del 3%, la misura minima obbligatoria prevista. Quando si tratta di tassare i cittadini si approvano gli aumenti al massimo dell’aliquota prevista (ultimo in ordine di tempo l’addizionale comunale all’Irpef che rastrellerà oltre 400.000 euro). Viceversa quando bisogna ridurre i propri emolumenti di pubblici amministratori si usa la mano leggera e si applica l’aliquota minima. Alla faccia della coerenza e del buon esempio, come si possono chiedere sacrifici ai cittadini quando questa casta di piccoli Robin Hood impazziti predica bene e razzola malissimo. Quando poi le risorse pubbliche vengono spese per foraggiare sei assessorati, auto blu, viaggi e rimborsi spese a tutto spiano e la neonata struttura di segreteria particolare del sindaco, risulta evidente lo scollamento fra chi chiede e propone tagli e sacrifici e chi realmente è chiamato a sopportarne il peso. Non è più tollerabile questa ipocrisia di chi si è autonominato paladino dei poveri e difensore dei sofferenti, lasciandoli poi nel più totale abbandono. Questa maggioranza che, dopo appena un anno già traballa pericolosamente, deve andare a casa perché ha dimostrato tutta la propria incapacità e malafede. Tutte le forze sane di questo territorio unifichino le loro forze in uno sforzo congiunto che permetta la rinascita civile e democratica di Mercogliano.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento