Flash news:   Elezioni Politiche 2022, l’Irpinia premia il centrodestra: Gianfranco Rotondi alla Camera e Giulia Cosenza al Senato Torna in vigore l’ordinanza per gli abbruciamenti dei residui vegetali a Mercogliano Elezioni Politiche 2022, Oggi silenzio elettorale. Domani si vota: seggi aperti dalle 7 alle 23 Elezioni Politiche 2022, Gianfranco Rotondi chiude la campagna elettorale a Mercogliano. Foto Elezioni Politiche 2022, bagno di folla per la chiusura del Pd ad Avellino. Petracca: ”straordinaria partecipazione, abbiamo già vinto”. Foto L’Avellino batte il Messina, primi tre punti in campionato World Cleanup Day: successo a Mercogliano perla giornata contro l’inquinamento. Foto Arrestato per stupefacenti 69enne napoletano latitante: era ricoverato in una clinica Coppia denunciata a Mercogliano per furto di energia elettrica Un 50enne di Avellino e due 20enni di Mercogliano denunciati per “Furto aggravato in concorso”

Consiglio comunale, Ferraro (Pd): “Totale chiusura della maggioranza verso l’opposizione e disinteresse per i cittadini”

Pubblicato in data: 2/10/2011 alle ore:16:05 • Categoria: Politica, PdStampa Articolo

Ancora una volta in sindaco Carullo e la sua maggioranza hanno dimostrato di non aver interesse per il bene comune e la giustizia sociale, arroccandosi in una posizione di chiusura totale alle istanze delle opposizioni. Senza vergogna né pudore, a distanza di pochi minuti, hanno prima approvato un regolamento per la compartecipazione della spesa a carico dei cittadini residenti fruitori di prestazioni socio-sanitarie in RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali) e, poi, bocciato una mozione consiliare che chiedeva alla giunta comunale di rettificare la delibera n. 126 del 07/06/2011 portando al 10% e per cinque anni i tagli alle indennità del sindaco, dei componenti la giunta, dei consiglieri comunali e ai componenti del c.d.a della Mercogliano Servizi. Con motivazioni pretestuose e ridicole la casta mercoglianese ha cercato di nascondere la verità: i sacrifici devono farli gli altri, preferibilmente i cittadini più bisognosi che non riescono a far sentire la loro voce. I loro privilegi non si toccano, ed infatti la reazione è stata molto dura, apostrofando l’opposizione che aveva proposto la mozione con parole astiose ed offensive. Con un autolesionismo senza precedenti è stata bocciata anche una seconda mozione che chiedeva alla giunta di predisporre un piano di interventi conservativi, secondo le previsioni del DLgs 42/2044 “Codice dei beni culturali e del paesaggio”, il quale prevede contributi a fondo perduto e in conto interessi per il restauro e la conservazione dei beni culturali e del paesaggio. Sul punto della salvaguardia degli equilibri di bilancio ho abbandonato l’aula a causa della poca chiarezza del bilancio comunale, con capitoli molto ballerini e con l’impossibilità per l’opposizione di poter svolgere il ruolo di controllo, visto che il sindaco non vuole istituire neanche la commissione bilancio. La zona grigia che avvolge questa amministrazione rende tutto più difficile e, visto il comportamento molto nervoso e polemico tenuto in aula dal sindaco, è chiara ed evidente la debolezza strutturale di questa giunta che non riesce in alcun modo ha dare risposte serie ai problemi del nostro territorio.

Di seguito i testi delle due mozioni bocciate proposte da Pasquale Ferraro e firmate da tutti i consiglieri d’opposizione: Antonio Buonaiuto, Vittorio D’Alessio, Ranieri Marinelli, Carmine Matarazzo, Andrea Mongillo e Nicola Sampietro.

MOZIONE DEPOSITATA AGLI ATTI DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 29/06/2011

I sottoscritti consiglieri comunali, ai sensi dell’art.13 del Regolamento per il funzionamento del C. C.,

Premesso che

• L’art. 5 del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122 dispone la riduzione , per un periodo non inferiore a tre anni, degli importi delle indennità già determinate ai sensi dell’art. 82, comma 8, del DLgs.18/08/2010 n.267;

• Con delibera n.126 del 07/06/2011 la giunta comunale ha rideterminato le indennità spettanti al sindaco, ai componenti della giunta comunale, ai consiglieri comunali e al presidente e ai componenti del consiglio di amministrazione della Mercogliano Servizi srl, applicando l’aliquota minima del 3 per cento nel periodo minimo previsto;

• Il comma 7 su menzionato art. 5 prevede una percentuale di riduzione che, a secondo del numero di abitanti, può arrivare ad un massimo del 10 per cento;

Chiedono che

• La Giunta comunale rettifichi la propria delibera n.126 del 07/06/2011, applicando l’aliquota massima del 10 per cento per la durata di cinque anni.

MOZIONE DEPOSITATA AGLI ATTI DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 29/06/2011

I sottoscritti consiglieri comunali, ai sensi dell’art.13 del Regolamento per il funzionamento del C. C.,

Premesso che

• Il DLgs 42/2004 “Codice dei beni culturali e del paesaggio” prevede contributi a fondo perduto e in conto interessi per il restauro e la conservazione dei beni culturali;

Considerato che

• Tra i beneficiari sono compresi gli enti pubblici in qualità di proprietari, possessori o detentori di beni sottoposti a notifica di vincolo diretto di tipo storico-artistico;

Chiedono

Alla giunta comunale di predisporre, entro trenta giorni dall’approvazione della presente mozione, un piano di interventi conservativi, secondo le previsioni del richiamato codice per i beni culturali e del paesaggio, per poter usufruire degli incentivi previsti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento