Flash news:   Torna in vigore l’ordinanza per gli abbruciamenti dei residui vegetali a Mercogliano Elezioni Politiche 2022, Oggi silenzio elettorale. Domani si vota: seggi aperti dalle 7 alle 23 Elezioni Politiche 2022, Gianfranco Rotondi chiude la campagna elettorale a Mercogliano. Foto Elezioni Politiche 2022, bagno di folla per la chiusura del Pd ad Avellino. Petracca: ”straordinaria partecipazione, abbiamo già vinto”. Foto L’Avellino batte il Messina, primi tre punti in campionato World Cleanup Day: successo a Mercogliano perla giornata contro l’inquinamento. Foto Arrestato per stupefacenti 69enne napoletano latitante: era ricoverato in una clinica Coppia denunciata a Mercogliano per furto di energia elettrica Un 50enne di Avellino e due 20enni di Mercogliano denunciati per “Furto aggravato in concorso” Alla Biblioteca la mostra: “Dai libri di…: gli ex libris della Biblioteca Statale di Montevergine”

Scomparsa Cassese, Sbrescia: “Un difensore del diritto dei popoli”

Pubblicato in data: 23/10/2011 alle ore:11:52 • Categoria: CronacaStampa Articolo

E’ scomparso questa notte nella sua casa di Firenze, l’illustre prof. Antonio Cassese. Nato nel 1937, originario di Atripalda, giurista, scrittore, docente di diritto internazionale, fratello di Sabino, negli ultimi anni aveva lottato contro una grave malattia. Ecco il ricordo di Vincenzo Sbrescia (foto), ex consigliere comunale di Avellino:

“La scomparsa di Antonio Cassese determina un vulnus, una ferita profonda nel sistema della tutela internazionale dei diritti umani; sistema che con la sua azione efficace e lungimirante aveva contribuito a costruire su mandato dell’Organizzazione delle Nazioni Unite.

Giurista raffinato, uomo colto, appartenente ad una famiglia di intellettuali, di studiosi, di insigni giuristi. Atripaldese di nascita, docente all’Università di Firenze, figlio dello storico Leopoldo e fratello del Prof. Sabino, già Ministro e attualmente Giudice costituzionale, Antonio Cassese è stato un profondo studioso del diritto internazionale, di cui sapeva coglierne, innanzitutto, il profilo sociale, legato alla necessità di tutelare i diritti umani, i diritti degli ultimi.

E’ stato fondamentalmente un giurista globale, un cittadino del mondo, un uomo che, attraverso la pluralità di incarichi di altissima responsabilità, espletati per conto delle Nazioni Unite, ha affrontato come Presidente e componente dei principali organi della giustizia internazionale, alcune tra le più difficili emergenze dell’ultimo ventennio. E’ stato, tra l’altro, Presidente della Commissione internazionale d’inchiesta dell’ONU sui crimini commessi nel Darfur, Presidente del Tribunale speciale per il Libano, Presidente del Comitato europeo per la prevenzione della tortura e dei trattamenti inumani o degradanti, oltre che Presidente del Tribunale penale internazionale per l’ex Iugoslavia. Illustre accademico, altissimo magistrato nel sistema giudiziario delle Nazioni Unite, il Prof. Antonio Cassese si è sempre battuto per la salvaguardia dei diritti umani, per l’affermazione degli ideali di giustizia nella dimensione globale.

Autore di testi fondamentali di diritto internazionale, riusciva a coniugare il rigore del grande studioso con una particolare capacità espositiva. Antonio Cassese si inserisce nella costellazione degli illustri Irpini, ed è stato uno dei continuatori dell’opera iniziata da Pasquale Stanislao Mancini, padre del diritto internazionale.

E’ doveroso ricordare questo illustre figlio d’Irpinia che ha onorato la sua terra natale ed ha operato intensamente per difendere e consolidare, sul piano internazionale, il diritto dei popoli”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento