alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nuovo caso a Mercogliano: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Pentecoste, il 31 maggio Messa di ringraziamento per l’emergenza Coronavirus a Montevergine: invitati cittadini e famiglie colpiti dal virus Montervergine, riaperto ieri il Museo Abbaziale: intervista al direttore Don Giovanni Maria Gargiulo Funicolare, da domenica prossima riprendono le corse verso il Santuario Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto “Il Sindaco risponde”, la nuova rubrica di MercoglianoNews Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima”

Con il nuovo anno scolastico è stangata per le famiglie: costi dei libri aumentati del 5%

Pubblicato in data: 13/9/2012 alle ore:17:13 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Gli alunni irpini sono tornati questa mattina tra i banchi di scuola. Ma con il nuovo anno scolastico arriva anche una nuova stangata per le famiglie. E’ pari al 5% il rincaro dei libri di testo per le scuole medie medie di primo e secondo grado rispetto all’anno passato e al tetto massimo fissato dal Ministero dell’Istruzione. Ore di fila davanti alle librerie dell’usato per accaparrarsi i volumi disponibili con un risparmio che può arrivare anche al 40%. Se da una parte è corsa al libro usato per molti diventa necessario l’acquisto del nuovo perché i testi diventano sempre più tecnologici. In allegato ai libri troviamo, infatti, cd, dvd e password per accedere a materiale extra su internet sul quale studiare. Con un particolare, secondo la legge infatti non posso essere più adottati libri esclusivamente cartacei la cui iva al 4% è a carico dell’editore, ma appunto volumi corredati da supporto multimediale a cui è applicata invece l’iva al 20% a carico del cosnumatore. La spesa per le famiglie è maggiore per i primi anni di scuola poiché alcuni libri durano anche per gli anni successivi, a cui si aggiungono le spese di dizionari per una media di oltre 300 euro. Per il liceo classico e lo scientifico i rincari più pesanti, 380 invece di 335 e 360 invece di 320 euro. Nessun aumento invece per gli istituti tecnici rispetto al limite masso fissato dal Miur pari a 320 euro, meno cari anche gli istituti professionali la cui spesa, in base agli indirizzi si aggira tra i 250 e i 300 euro. Testi che rimangono invariati per almeno 6 anni per gli istituti di 1° e 2° grado salvo aggiornamenti dei contenuti, secondo il decreto ministeriale del 2009. Alle spese però si aggiungono anche i cosiddetti testi consigliati ma non con obbligo di acquisto come libri di narrativa ed eserciziari.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento