alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Sentieri Mediterranei, domani nuovo appuntamento con la musica da camera nell’Abbazia di Loreto

Pubblicato in data: 29/9/2012 alle ore:19:33 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

Domenica 30 settembre nuovo appuntamento con la musica cameristica curata dall’Associazione Stravinsky nel Salone degli Arazzi presso l’Abbazia di Loreto a Mercogliano. Per Eventi in Abbazia nell’ambito della XIV edizione di Sentieri Mediterranei, alle ore 18.30 (ingresso consentito dalle ore 18.00 in poi fino ad esaurimento posti a sedere), il 29 settembre si esibirà il duo pianistico formato da Sandro Baldi e Paola Peresson che si alterneranno da soli ed a 4 mani in un repertorio quasi interamente dedicato a Debussy: oltre alle Sei Epigrafi Antiche, eseguiranno del compositore francese alcuni famosi Preludi, l’Arabesca n. 1, lo Studio n. 11 ed il famosissimo « Clair de lune ».

A conlusione del concerto verranno eseguite le 5 danze op.12 di M. Moszkowski.

Sandro Baldi, si è diplomato al Conservatorio Verdi di Milano con Paolo Bordoni col massimo dei voti e la lode. Si è poi perfezionato all’Accademia Chigiana di Siena con Joaquin Achùcarro e al Mozarteum di Salisburgo con Hans Graf, dove ha vinto borse di studio e concerti premio. Ha eseguito come solista e con orchestra concerti in tutta Europa ottenendo recensioni e lusinghieri commenti sui principali quotidiani (Il Resto del Carlino, La Repubblica, La Nazione, Il Corriere della Sera, L’Arena, L’Unità, La Stampa, Il Gazzettino, la Süddeutsche Zeitung ecc.) che hanno evidenziato il fraseggio morbido e raffinato, la ricerca del suono e l’originalità interpretativa. Ha inoltre inciso per Antares, Bongiovanni, Eco, Papageno e Videoradio. Titolare di cattedra di pianoforte principale al Conservatorio di Adria, ha da sempre ricoperto un interesse primario per la didattica, frutto della quale sono anche le numerose revisioni pianistiche realizzate per la Casa musicale Eco (con cd allegato) di musiche di Beethoven, Duvernoy, Heller e Mozart, e per l’editore Bèrben di musiche di Bach, Cramer, Beyer, Clementi, Duvernoy e Mozart.

Paola Peresson, nata a Bologna, si è diplomata in Pianoforte col massimo dei voti sotto la guida del maestro Luigi Mostacci al Conservatorio G. B. Martini di Bologna, in Clavicembalo con la Prof.ssa Annaberta Conti e in Didattica della Musica. Si è perfezionata a Parigi col M° Jean Fassina e al Conservatorio Europeo con la Prof.ssa Nadine Wright della scuola del M° Vlado Perlemutter. Ha partecipato al VII Cours International de Piano di Bruxelles e ai corsi di perfezionamento pianistico del M° Alexander Lonquich, col quale ha suonato il concerto K 466 di Mozart. Allieva dell’Accademia Pianistica di Imola dal 1990 al 1992, ha approfondito lo studio del repertorio cameristico sotto la guida del M° Pier Narciso Masi, privilegiando il repertorio di Bach, Schumann e Brahms. Svolge attività didattica e concertistica collaborando con diversi ensemble strumentali e vocali.

L’ingresso ai concerti è gratuito.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento