alpadesa
  
Flash news:   Domeniche al viale, continua il grande successo per le iniziative del bar “Il Caporale”. Questo week-end protagonisti i “Barabba Blues in trios” Forum dei Giovani, avviso pubblico per l’ elezione dei 10 consiglieri componenti l’assemblea della Città di Mercogliano Funicolare, il sindaco D’Alessio: “Venga considerata un vero e proprio mezzo di trasporto”. Video Mercogliano protagonista del ferragosto irpino: nel weekend tappa del tour Rai “EstateLive“ L’Amdos Mercogliano scende in campo con la solidarietà: avviata raccolta fondi a sostegno del progetto “La casa di Alice” Messaggio della mamma di Ascanio per ringraziare gli irpini residenti a Boston: “L’affetto e l’amore che ci hanno dimostrato va oltre ogni confine” Il “Viaggio” di Paolo Speranza, galà lirico al tramonto e le stelle di Campo Maggiore: lunedì 10 agosto Montevergine protagonista L’ irpino Matteo Piantedosi è da oggi il nuovo Prefetto di Roma. Le congratulazioni del sindaco di Mercogliano Amdos Mercogliano, nell’assemblea non approvato il bilancio 2019: “Messo finalmente un punto di stop e si va avanti all’insegna del volontariato, solidarietà e grande stima” Coronavirus, nuovi contagi ad Avellino e Atripalda

Nuova sconfitta in trasferta a Cantù per la Sidigas Avellino: 79 – 67

Pubblicato in data: 4/11/2012 alle ore:21:20 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Una prova per ora tutt’altro che confortante quella della Sidigas, nonostante un avvio positivo. Come contro Bologna a Cantù e Mavraides ad aprire le danze a favore di Avellino. Sono suoi i primi tre punti del match. A cui rispondono Cusin e Mazzarino. Nelle prime battute del match la formazione irpina si difende con ordine e riesce a portarsi avanti sul 4-8. Le due squadre riescono ad annullarsi e a far andare i tiratori prescelti poco alla conclusone. Cantù riesce a rialzarsi e a portare il match sull’8-8. Valli manda nella mischia Ebi e Spinelli, ma la mossa non porta i frutti sperati. Padroni di casa avanti 12 a 8 con Tyus e Tabu. Cantù preme sull’acceleratore e con un ottimo Markoishvili tocca il massimo vantaggio (19 a 8). Johnson con due tiri liberi rende il risultato meno amaro: 19-10.
Tyus è un fiume in piena, Shakur e Johnson provano a prendere per mano Avellino. Cantù gioca in scioltezza, non lasciando alcun spazio ad Avellino. Biancoverdi che falliscono tre triple consecutive, ma che riescono ad accorciare le distanze grazie all’ottimo Richardson (25-17). Una squadra quella biancoverde che però riesce a vanificare quanto di buono fatto con i numerosi errori in fase d’attacco. Shakur e Mavraides permettono di tornare in partita (27-22). Poi quattro punti di fila di Dragovic riportano Avellino sotto (30 a 28). La tripla finale di Leunen viene accolta come una liberazione. Il quarto termina 33 a 28 a favore dei padroni di casa.
L’inerzia dell’incontro non cambia. Avellino sbaglia tanto e Cantù va a segno con numerosi tiri liberi. Dragovic prova a rimettere i suoi in gara con cinque punti, ma i padroni di casa grazie a Mazzarino e Leunen riescono a distaccarsi (44-33). La Scandone sbaglia tanto, molto, troppo e la squadra di Trinchieri approfitta delle numerose défaillance. E’ un Avellino che si scoglie come neve al sole e nonostante Ebi e Biligha provano a far rialzare la testa ai lupi, il passivo è pesante 61- 44.
Avellino crolla e si fa prendere dal nervosismo. Il primo a finire sul taccuino dell’arbitro è Ebi seguito da Dragovic. Cantù estende il suo vantaggio, andando sul 67-48. L’Arena si conferma un tabù per Avellino, Richardson e Mavraides mettono i biancoverdi in carreggiata, ma Leunen spegne i sogni di rimonta con una grande tripla. Avellino sprofonda e la sfida finisce 79-67.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento