alpadesa
  
Flash news:   Decoro urbano e animali d’affezione, Graziano (M5S): “Bene la risposta del sindaco alla nostra richiesta di intervento“ Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, Mercogliano si colora di arancione: da oggi partono le iniziative di sensibilizzazione Non mandano la figlia a scuola: genitori denunciati dai Carabinieri di Mercogliano La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi

Ampliamento Centro Commerciale, ricorso pendente al Tar e nessuna istruttoria progettuale presentata dai privati agli uffici comunali: questi i nodi da sciogliere per il via libera

Pubblicato in data: 10/4/2013 alle ore:23:55 • Categoria: Attualità, Politica, ComuneStampa Articolo

Ricorso pendente al Tar e nessuna istruttoria progettuale presentata dai privati agli uffici comunali: questi i nodi da sciogliere per  il via libera dal Consiglio Comunale all’ampliamento del Centro Commerciale di via Nazionale. «La Maggioranza è favorevolissima all’ampliamento del Centro Commerciale di Torrette purché vengano rispettati i criteri della legalità, lo abbiamo espresso chiaramente in consiglio comunale», il sindaco di Mercogliano Massimiliano Carullo risponde alle accuse di voler frenare l’ampliamento della struttura di via Nazionale mosse congiuntamente dal Pd e Pdl locale dopo il voto contrario espresso durante l’ultimo civico consesso. Due i nodi della questione secondo il primo cittadino: da una parte il ricorso pendente al Tar di Salerno presentato dal Gruppo Abate nel mese di gennaio scorso e dall’altra mancata presentazione da parte dei privati dell’istruttoria relativa al progetto agli uffici comunali di competenza, «ad oggi agli uffici del Protocollo del Comune non è pervenuta alcuna proposta alternativa al Tar da parte del privato, un sindaco si deve attenere agli iter amministrativi rispettando i termini previsti dalla legge. Nel momento in cui la proposta di accordo di programma sarà protocollata dai privati, e non chiesta verbalmente da alcuni consiglieri d’opposizione, sarò ben lieto di accettarla così come sarò felice di accogliere tutti gli imprenditori che vorranno investire a Mercogliano». Il progetto iniziale fu presentato a Palazzo di Città 19 febbraio 2010 dalle società «Immobiliare Centro srl», «New Center srl» e «Unika srl» ma si è bloccato poco prima di giungere in conferenza dei servizi dato che gli uffici della stessa Amministrazione comunale si sono resi conto che non era possibile procedere alla variante al Prg, come dichiarato dal Segretario Generale e responsabile Suap, in quanto variazione non applicabile alle medie e grandi strutture di vendita. Il parere chiesto al professore Federico Tedeschini chiarì la questione ribadendo la possibilità di avviare l’ampliamento, predisposizione però non seguita da alcun fatto concreto che indusse il Gruppo Abate a fare ricorso al Tar. Attualmente la struttura commerciale, inaugurata il 22 novembre del 1980, un giorno prima del terremoto che devastò l’Irpinia, accoglie 150 lavoratori ed è pronta ad oltre 100 nuove assunzioni in un progetto da 12 milioni di euro che prevede 11mila mq di parcheggio, 7milla mq di spazio verde riqualificato, interventi sulla viabilità, ed aree da dare in uso gratuito alla collettività: «il centro di via Nazionale creato da Sandro Abate è da sempre simbolo di sviluppo locale, lavoro e correttezza. Ecco perché aspettiamo la richiesta della società per avviare l’iter che dagli uffici preposti porterà il progetto in consiglio per essere approvato».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento