alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Festa della Repubblica, la fotografia di un Paese nei versi di Gabriele De Masi

Pubblicato in data: 2/6/2013 alle ore:09:28 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Il 2 giugno si celebra la Festa della Repubblica Italiana a ricordo della nascita della Repubblica. Il 2 e il 3 giugno 1946 si tenne, infatti, il referendum istituzionale indetto a suffragio universale con il quale gli italiani venivano chiamati alle urne per esprimersi su quale forma di governo, monarchia o repubblica, dare al Paese, in seguito alla caduta del fascismo. Dopo 85 anni di regno, con 12.718.641 voti contro 10.718.502 l’Italia diventava repubblica e i monarchi di casa Savoia venivano esiliati.
Nei versi di Gabriele De Masi, che proponiamo di seguito, la celebrazione diventa il racconto di questi giorni di grave crisi che sta vivendo il Paese.
Giugno della Repubblica

In questo mese disperato,
rantoli d’affanno …
Stella d’acciaio su ruota dentata
neanche brilli più, tuo malgrado,
d’abbraccio di rami a corona
d’olivo e quercia, gloria e tenacia,
per chi così ti volle e t’amò,
ora diafana per quanto ci manchi.
” Domani, resterò a letto, mamma,
non svegliarmi, così non penserò …”
fuoco freddo, carrello senza spesa, inganno,
non andiamo con gli eserciti, in baldoria,
ai Fori Imperiali, le chiarine, noi
nelle strade, la gente, provare
nuovi accenni di slancio, lungi da chi
ci ha sempre imbonito, il despota,
il vassallo, i ladri di sogni; vuoti
sproloqui, che non conoscono la vita,
il lavoro smarrito, la fiducia tradita.
Un Giugno di speranza. Pulito.
A rifondare la Patria!

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento