alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Domani concerto di Natale al Loreto con il violinista Vadim Tchijik ed il pianista Armine Varvarian

Pubblicato in data: 28/12/2013 alle ore:10:51 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Abbazia del LoretoProseguono i concerti cameristici di “Natale a Loreto” promosso nell’ambito del progetto “L’Oro di Montevergine” dalla Comunità dei Padri Benedettini di Montevergine e realizzato all’interno del POR-FESR 2007-2013. Regione Campania. Obiettivo Operativo 1.10 “La Cultura come risorsa”. Domenica 29 dicembre alle ore 18.30 nella splendida cornice del Salone degli Arazzi del Palazzo Abbaziale si esibirà il violinista Vadim Tchijik accompagnato al pianoforte da Armine Varvarian. Il duo di origine russa, che vive attualmente in Francia, sarà impegnato nell’interpretazione di un programma accattivante dal titolo “Un violino virtuoso” e prevede l’esecuzione di brani di Tchaikovsky, Dvorak e Prokofiev. La rassegna cameristica, curata dall’Associazione Igor Stravinsky con la direzione artistica di Nadia Testa e Alessandro Crosta, si concluderà l’11 gennaio con l’esibizione del trio andaluso degli “Hermanos Cuenca”. L’ingresso ai concerti è libero, fino ad esaurimento posti a sedere.

Vadim Tchijik è vincitore del Concorso N. Paganini di Genova, del Concorso P. I. Tchaikovsky a Mosca, del Concorso Lipizer di Gorizia, vincitore del Premio Juventus (Francia). Solista con la Moscow Symphony Orchestra, North Nederland Symphony Orchestra, la Kharkov Philharmonic Orchestra, Freiburg Symphony Orchestra, Orchestra di Teatro di Genova, Yaroslavl Philharmonic Orchestra, Ulianovsk Philharmonic Orchestra, Orchestra di Padova e del Veneto, Musica Vitae Chamber Orchestra, suona nelle più grandi sale (Théâtre des Champs-Elysées, Théâtre du Châtelet, Salle Gaveau di Parigi, Concertgebouw di Amsterdam, Dvorak Hall di Praga, Sala Grande del Conservatorio Tchaikovsky di Moscou, Suntory Hall e Hamarikyu Asahi Hall di Tokyo, Philharmonie a Colonia e Konzerthaus di Freiburg).

Vadim è molto spesso invitato a partecipare a festival musicali diversi tra cui Festival di Radio France e Montpellier, Pablo Casals, Nancyphonies, Guebwiller, Festival di Saint-Riquier, feste Romantiques de Nohant, Young Artists Festival di Los Angeles, Semaines Musicales de Tours… Si esibisce in varie trasmissioni radiofoniche e televisive in molti paesi e ha registrato numerosi CD per Lyrinx, Exton e DOCdata. Nel 2006 in Giappone partecipa alla registrazione di una serie di CD dedicati al 250° Anniversario di Mozart. Ha suonato musica da camera con Pieter Wispelwey, Emmanuel Pahud, Jean-Claude Pennetier, Philippe Bernold, David Geringas, Marielle Nordmann, Philippe Bernold, Cedric Tiberghien, Marc Coppey, Alexander Melnikov, Alban Gerhardt, Michel Lethiec, ecc.

Nato nel novembre 1975, ha iniziato a studiare il violino all’età di sei anni e ha dato il suo primo concerto quando aveva solo otto anni. Ha studiato alla Tchaikovsky Central Music School di Mosca, Conservatorio Nazionale Superiore di Musica di Lione, Conservatorio Superiore di Musica di Colonia, e sempre ottenuto i più alti onori. Nel 2010, egli è sulla copertina della famosa rivista “String”, con un’intervista esclusiva di sei pagine. Tiene corsi di perfezionamento in Europa e in Asia.

Armine Varvarian, pianista, inizia i suoi studi di pianoforte all’età di 7 anni presso la Scuola Centrale di Musica della città di Yerevan con Zemfira Barseghian. All’età di 16 anni entra al Conservatorio di Musica di classe dello stesso insegnante di pianoforte e segue anche i corsi di musica da camera, armonia e l’accompagnamento. Dal 1974 si è trasferisce in Francia e ottiene al CNR di Marsiglia la medaglia d’oro. Lo stesso anno torna al Conservatorio di Parigi e ottiene numerosi primi premi e diplomi tra cui il Diploma di Merito al Concorso Internazionale “Palma d’Oro” di Finale Ligure (Italia) e finalista a Vercelli (Italia).

Lavora con Pierre Barbizet, Jeannine Vieuxtemps, Dominique Merlet, Aquiles Delle Vigne, Elena Varvarova Michael Rudy per pianoforte Genevieve Joy per la musica da camera, Alain Margoni, Jacques Casterede per l’analisi musicale. La sua attività di pianista cresce attraverso concerti e festival in diverse città in Francia e all’estero: Parigi (Salle Cortot, Sylvia Monfort Theatre, Cité des Arts), Festival d’Orangerie de Sceaux, Lione, Flaine, Bruxelles. Si esibisce in concerto come solista e con artisti come Thierry Wartelle Laurent Korcia, Hae Sun Kang, Sergei Kalinin, Odile Bourin, Loic Poulain. Intanto Armine Varvarian continua la sua attività di insegnante di pianoforte. Titolare della cattedra di pianoforte dal 1981, è docente presso il Conservatorio di Noisy Le Grand e al Conservatorio di Parigi. Fa parte della giuria regolare di vari concorsi nazionali ed internazionali.

 

Programma

 

Un violino virtuoso

P. Tchaikovsky

Souvenir d’un lieu cher

(three pièces: Meditation, Scherzo, Melody)

 

A. Dvorak

Sonatina op. 100

 

S. Prokofiev

Five mélodies

Sonata n. 2 op. 94

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento