alpadesa
  
Flash news:   “Un Natale coi chioschi”, sabato 7 dicembre alle 17,30 l’inaugurazione Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Vaga nel Parco Nazionale del Partenio, i Carabinieri salvano un 18enne di Ragusa Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Riattivato lo sportello antiracket presso il Centro sociale “P.Campanello” di Mercogliano Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Lettera al sindaco di Mercogliano di una 12enne: «Per Natale regalaci una biblioteca» Le Sardine d’Irpinia in mille ad Avellino Cessione Us Avellino, il presidente Mauriello:”Mai assunto impegno a rassegnare le dimissioni dal CdA”

Assistenza domiciliare, reperite risorse per tutto il 2014

Pubblicato in data: 18/1/2014 alle ore:11:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

vertice-nappi-florio-cinqueIl servizio di assistenza domiciliare sarà garantito per tutto 2014: fino al mese di giugno, grazie a risorse interne all’azienda sanitaria locale, per la restante parte dell’anno, le somme necessarie saranno attinte dal riparto già disposto con decreto dirigenziale numero 303 del 20 dicembre del 2013, con il quale la struttura commissariale ha attribuito circa 3 milioni di euro all’Asl di Avellino. E’ quanto emerso dall’incontro tenutosi oggi pomeriggio tra il Consigliere regionale, Sergio Nappi, il sub commissario alla sanità, Ettore Cinque, ed il direttore generale dell’Asl, Sergio Florio. Il vertice, sollecitato da Nappi e dalla Presidente della Commissione politiche sociali, Antonia Ruggiero – assente perché influenzata -, si è reso necessario per affrontare il nodo dell’assistenza domiciliare irpina, della ottimizzazione del servizio, della appropriatezza delle prestazioni erogate, e del reperimento delle risorse necessarie a soddisfare le richieste di intervento.

Dal Direttore generale Florio è venuta la disponibilità ad usare un milione e centomila euro, derivanti dal ristoro delle somme per le prestazioni rese ai Piani di zona sociale, che si andranno ad aggiungere a 900mila euro di somma residuale del contratto in essere. Un totale di 2 milioni grazie ai quali – ha fatto sapere Florio – sarà possibile garantire il servizio per i prossimi sei mesi. Per la restante parte del 2014, le somme necessarie saranno attinte dai circa tre milioni attribuiti all’Asl, in ragione del riparto disposto con il decreto 303.
Il direttore Florio, ribadendo la sua massima considerazione per il servizio di assistenza domiciliare, ha sottolineato, tuttavia, l’esigenza di rispettare l’appropriatezza dei servizi richiesti e successivamente resi ai pazienti. Occorre – secondo il manager – un rigoroso rispetto della classificazione di tali servizi (primo, secondo e terzo livello), graduando scrupolosamente i tempi delle relative prestazioni assistenziali. Ciò – ha rilevato Florio – non per una revisione della spesa fine a se stessa, ma unicamente per garantire un appropriato e proficuo utilizzo delle risorse a disposizione. Una impostazione, questa, condivisa dal sub Commissario, Ettore Cinque, che si è detto particolarmente attento ai servizi di assistenza domiciliare resi dalle Asl campane, dei quali – come è noto – beneficiano in particolar modo le fasce sociali più deboli della popolazione.
Il Consigliere Nappi si è detto soddisfatto per la soluzione del problema, auspicando, tuttavia, una maggiore destinazione di risorse per una Asl, come quella di Avellino, che – ha affermato – “si è distinta per aver realizzato cospicue economie di gestione.” A tal fine, il Consigliere regionale ha sollecitato il sub commissario Cinque ad attivarsi, così come dispone la legge in vigore, affinché gli avanzi di gestione realizzati dalle aziende sanitarie possano essere utilizzati dalle stesse aziende e non vengano destinati – come accade adesso – a coprire i disavanzi di altre Asl della Campania.
“Abbiamo dimostrato – ha affermato Nappi – che lavorando in sinergia i problemi possono essere adeguatamente affrontati e prontamente risolti. Ovviamente, siamo chiamati a fare i conti con la drammatica scarsità di risorse. Dal canto loro, gli operatori del settore devono garantire livelli di assistenza appropriati alle reali esigenze dei pazienti”.
Gradimento per l’esito del vertice è stato espresso anche dal Presidente della Commissione politiche sociali, Antonia Ruggiero, che nei giorni scorsi aveva chiesto l’intervento della struttura commissariale. “Con il reperimento dello risorse necessarie – ha dichiarato Ruggiero – sarà possibile assicurare ai pazienti irpini un livello di assistenza adeguato alle loro esigenze. Mi sento di condividere, tuttavia, l’esigenza di ottimizzare le risorse a disposizione al fine di offrire un servizio appropriato alle reali esigenze dei pazienti”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento