alpadesa
  
sabato 16 novembre 2019
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Una giuria di pregio per il premio “Radici Poetiche” dedicato a Massimo Troisi all’Abbazia del Loreto

Pubblicato in data: 3/8/2014 alle ore:08:58 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Abbazia del LoretoTutto pronto per la serata di premiazione della terza edizione del premio di poesia dialettale “Radici poetiche” indetto dalla casa editrice il Papavero,  dedicato a Massimo Troisi, che si terrà il 23 agosto a Mercogliano, presso l’abbazia del Loreto.  “Ci piace fare le cose bene – dichiara l’editore donatella de bartolomeis – e affidarci a persone altamente qualificate. Trasparenza, onestà e qualità è ciò che ci caratterizza.”
La giuria, presieduta dal prof. Aniello Russo docente di Latino e Greco nei Licei classici, in pensione; riconosciuto dall’Università degli studi di Salerno Cultore della materia (cattedra di Letteratura latina, letteratura per l’infanzia e l’adolescenza), autore di diversi testi di narrativa popolare, linguistica, musica etnica e antropologia, vede nomi noti nel settore dell’arte e della cultura, quali il prof. Ferdinando Rogata, che ha all’attivo testi di poesia, Gianni Mauro, leader dei Pandemonium, autore di testi di canzoni per Gabriella Ferri, Gigi Proietti e molti altri e Corrado Taranto, figlio di Carlo e nipote di Nino, impegnato nel teatro classico napoletano. “Buono il livello poetico delle numerose liriche pervenute da varie regioni: dalla Campania alla Lucania, alla Puglia, alla Romagna, alla Sardegna. – dichiara il prof. Russo – Il complesso delle tematiche affrontate dai nostri poeti può essere organizzato attorno ad alcuni nuclei essenziali: la natura, il paese, l’amore, l’emigrazione, la solitudine della vecchiaia, la morte… La strada più battuta è quella della memoria e della satira (oggetti della satira in verità si rivelano bersagli di un sorriso bonario e quasi assolutorio). La poesia dialettale dunque non si pasce solo di nostalgia; l’animo del poeta oscilla più spesso tra due momenti storici, l’ieri e l’oggi, due dimensioni drammaticamente in contrasto… Il linguaggio del poeta non è una lingua generica e impersonale, ma la lingua materna, la parlata della propria comunità, perché questo è il suo centro di ispirazione; abbiamo apprezzato in alcuni poeti una ricerca dell’uso dello strumento linguistico tra i non pochi registri possibili; ed è questa, a parer mio, la strada da percorrere: in queste liriche le parole perdono il loro peso e si avvicinano allo stato di simbolo.

Un premio, questo del Papavero, che cresce di qualità di anno in anno e si sta imponendo sull’intero territorio nazionale e anche per il 2014, per volontà della madrina del concorso Rosaria Troisi, la casa editrice devolverà, grazie a quanti ci hanno creduto, un’offerta a un’associazione di volontariato scelta dalla stessa Troisi che ci confida, con il cuore di una madre, più che di una sorella, “E’ quello che avrebbe voluto anche Massimo.”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento