alpadesa
  
Flash news:   Oggi il Giorno della Memoria per non dimenticare la tragedia della Shoah Non basta Micovschi, finisce 1-1 col Picerno “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre La Scandone Avellino battuta da Citysightseeing Palestrina per 57-60 Capocastello, iniziano i lavori di messa in esercizio della rete del gas Avellino, arriva il portiere Andrea Dini M5S raccoglie le firme domani a Mercogliano per l’installazione di centraline per rilevare le polveri sottili Oggi 24 gennaio si festeggia San Francesco di Sales patrono dei giornalisti Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti Capocastello, approvato studio di fattibilità per la messa in sicurezza del borgo

“150”, nei versi di Gabriele De Masi gli sbarchi della speranza

Pubblicato in data: 7/10/2014 alle ore:15:30 • Categoria: CulturaStampa Articolo

immigrazione-sbarchi-Trema la notte, quanto più preme

la tempesta in queste onde di deriva,

batte lo scafo l’increspatura, sale in gola

la paura che i flutti facciano tomba del guscio

dall’Africa alle coste d’Italia; sbarco

di speranza, dove la vita sorride al sole

e profumato, baciato è il pane.

 Strade di mare. Il vento taglia i profili

con spruzzi di salsedine negli occhi

 fissi oltre il canale a intravedere

 luce di salvezza, la costa, l’approdo,

gl’ Italiani che fanno d’accoglienza

dono e di pietà pronti,perché così

 fu lor dato il dono, il tozzo,

il sorso e il mantello a coprire

 le spalle fredde nel cammino,

a saziare fame  e sete  nei santuari

di terra promessa e d’esultanza.

Siamo alla tivù, noi, a casa,

coi termocamini, riscaldati, non più

 migranti (una volta!), in questi giorni

 d’anniversario,nuovi sbarchi al notiziario,

non giubbe rosse,ardite, garibaldine

 ma consunti abiti  disperati.

150 ! e, 150 ancora!  viva l’Italia!

S’intonino i cori, squillino le fanfare, al cielo

 sale, nei borghi lontani, nella capitale,

l’inno agli altari di chi diede la vita alla Patria

 confusa nel sapere di questi dal mare.

Non vogliono marciare,e non vogliamo,

né battaglioni dell’elmo di Scipio, o conquiste

di spada nelle vicine contrade

ma un attracco,ciglio di paglia,

sosta, riposo e un telo a riparo.

Ricca terra d’Europa, in Mediterraneo,

con l’Italia per ponte, tendi le braccia,

presta uno scoglio, sporgi un appiglio

a gente muta, non saluta né grida allo sbarco,

ma china  procede con scorno

 a un perdono, spersa per un segreto  timore

d’ essere messa alla porta. Del mondo.

Gabriele De Masi

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento