alpadesa
  
Flash news:   Forum dei Giovani, avviso pubblico per l’ elezione dei 10 consiglieri componenti l’assemblea della Città di Mercogliano Funicolare, il sindaco D’Alessio: “Venga considerata un vero e proprio mezzo di trasporto”. Video Mercogliano protagonista del ferragosto irpino: nel weekend tappa del tour Rai “EstateLive“ L’Amdos Mercogliano scende in campo con la solidarietà: avviata raccolta fondi a sostegno del progetto “La casa di Alice” Messaggio della mamma di Ascanio per ringraziare gli irpini residenti a Boston: “L’affetto e l’amore che ci hanno dimostrato va oltre ogni confine” Il “Viaggio” di Paolo Speranza, galà lirico al tramonto e le stelle di Campo Maggiore: lunedì 10 agosto Montevergine protagonista L’ irpino Matteo Piantedosi è da oggi il nuovo Prefetto di Roma. Le congratulazioni del sindaco di Mercogliano Amdos Mercogliano, nell’assemblea non approvato il bilancio 2019: “Messo finalmente un punto di stop e si va avanti all’insegna del volontariato, solidarietà e grande stima” Coronavirus, nuovi contagi ad Avellino e Atripalda Domani visita in Irpinia per il Ministro Bonetti e il senatore Matteo Renzi

Incontro PdZ: richiesti alla Regione fondi per il mantenimento dei servizi essenziali

Pubblicato in data: 20/11/2014 alle ore:18:12 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

 

comune  (1)L’Ambito Territoriale Sociale A02, ha promosso, in data 20/11/2014, presso la sala Consiliare del Comune di Mercogliano, capofila del PdZ A02, un incontro Istituzionale tra tutti gli Ambiti della Provincia di Avellino, al fine di sottoscrivere un documento comune per chiedere alla Regione Campania la copertura economica della quota sociale per prestazioni socio-sanitarie compartecipate tra Ambiti e AASSLL, l’erogazione di tutti gli altri livelli essenziali di assistenza, delle prestazioni sociali e dei valori target minimi di cui al Decreti interministeriale del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali del 21 febbraio 2014.

Infatti, la Regione Campania. con la legge 16 del 7 agosto 2014, all’art. 1 comma 146, statuisce che “il secondo periodo del comma 5 dell’articolo 42 della legge regionale 23 ottobre 2007, n. 11 (Legge per la dignità e la cittadinanza sociale. Attuazione della legge 8 novembre 2000, n. 328), aggiunto dall’articolo 1, comma 61 della legge regionale 5/2013, è così sostituito: “I comuni singoli o associati provvedono, sulla base dei progetti elaborati in sede di U.V.I., alla copertura economica della quota di propria competenza, vincolata alle prestazioni socio-sanitarie di cui al decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 29 novembre 2001, n. 19854 (Definizione dei livelli essenziali di assistenza) prelevando le risorse dal Fondo Unico di Ambito (FUA)”;

Tale modifica normativa introdotta con il suddetto comma 146, del citato articolo, interviene in un panorama di funzionamento del sistema integrato di interventi e servizi sociali già a rischio di collasso per gli ormai consolidati ingenti ritardi della Regione Campania nella trasmissione dei fondi di competenza agli Ambiti, determinando nei fatti un ulteriore aggravamento del sistema, escludendo ogni possibilità di reperimento di fondi regionali dedicati.

La composizione del Fondo Unico di Ambito, e quindi la determinazione delle risorse a disposizione degli Ambiti Territoriali Sociali (Fondo Nazionale Politiche Sociali, Fondi Regionali, Fondo Non Autosufficienza), non viene fissata dalla Regione Campania in forma preventiva rispetto all’avvio dei servizi per l’annualità di riferimento, il che pone gli Ambiti Territoriali Sociali nella condizione di conoscere nei tempi per la programmazione solo ed esclusivamente la quantificazione delle risorse di compartecipazione comunale.

Nei fatti è insostenibile, in assenza di fondi dedicati, la realizzazione da parte degli Ambiti Territoriali Sociali di una programmazione che tenga conto delle prescrizioni regionali fissate con il Piano Sociale Regionale 2013-2015 (obbligo di assicurare i livelli essenziali di assistenza e i livelli essenziali delle prestazioni sociali) e di quelle assorbite nel recente aggiornamento della IIa annualità relative al Decreto interministeriale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del 21 febbraio 2014 (necessità di rispettare valori target minimi connessi ai macrolivelli e ai relativi obiettivi di servizio), ad esclusivo danno delle persone e delle famiglie in condizioni di difficoltà attualmente in carico al sistema integrato di interventi e servizi sociali e di quelle che richiederanno l’accesso al sistema stesso.

Pertanto, i suddetti Ambiti Territoriali Sociali della Provincia di Avellino, in virtù del rischio di implosione del sistema a seguito della modifica normativa introdotta con la L.R. Campania n. 16/2014, chiedono alla Regione Campania di procedere con l’urgente abrogazione dell’art. 1 comma 146 della L.R. Campania n. 16/2014.

In assenza della predetta abrogazione, chiedono alla Regione Campania l’appostamento di risorse dedicate, da trasferire agli Ambiti Territoriali Sociali per la copertura dei costi relativi alla quota sociale per prestazioni sociosanitarie compartecipate tra Ambiti e AASSLL, in assenza delle quali non risulta possibile assicurare il mantenimento dell’erogazione dei servizi essenziali alle persone e alle famiglie in condizioni di difficoltà.

 

Ambito Territoriale Sociale A02

Comune di Mercogliano – Capofila

delegato alla Presidenza Giacomo Dello Russo

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento