alpadesa
  
sabato 30 maggio 2020
Flash news:   Mercogliano, il Campo Sportivo vede la luce. L’annuncio del sindaco D’Alessio: “Pronto entro il 15 luglio. Inviterò l’Avellino per il ritiro” Sport Days, parte la XVIV edizione da lunedì a Mercogliano con un nuovo format Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Pentecoste, domenica Santa Messa presso la Basilica Cattedrale del Santuario di Montevergine Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Tosap, Imu e Tari: il Comune scende in campo per il sostegno ai commercianti. FOTO Coronavirus, nuovo positivo in Irpinia: è di Contrada Coronavirus, calano i morti (+70) e aumentano i guariti (+3.503) ma i contagi restano +593

Crisi idrica in città, la nota di Maddalena Poerio

Pubblicato in data: 12/1/2015 alle ore:16:04 • Categoria: Attualità, Politica, L’Altra Mercogliano – CentrosinistraStampa Articolo

fontana_acqua_del_pero
Sono ormai mesi che in diversi comuni irpini esiste una difficoltà nell’ approvvigionamento dell’ acqua :per condutture obsolete, per la presunta presenza di sostanze nocive per la salute, o perché come a Mercogliano i serbatoi non sono ritenuti più sufficienti per la popolazione lievitata negli anni .Il periodo più critico a Mercogliano è stato durante le feste natalizie quando per giorni interi non vi è stata alcuna erogazione, in particolare nelle zone alte della città . Proteste cittadine tante, spiegazioni chiare e comprensibili poche e confuse ; diversi sono stati i tentativi di rimpallarsi le responsabilità tra Alto Calore e Comune di Mercogliano. E siamo in inverno ! Cosa accadrà con la bella stagione ? Mi ha molto sorpreso il sopralluogo ,effettuato qualche giorno fa, all’acquedotto rurale di Acqua Fidia da parte di tecnici e del direttore generale dell’ Alto Calore dr. Di Gennaro con esponenti dell’ amministrazione comunale.Sopralluogo a parole molto positivo per un’ opera costata ( nel 2007 ) 250.000 euro,completata nel 2009 e destinata al rifornimento idrico per ben 20 utenze!!!!! Dopo circa sei anni ci si pone il problema di verificare la potabilità dell’ acqua, la portata della sorgente e così via….per poter finalmente dare il beneplacito alla sua piena utilizzazione, se chiaramente nel frattempo non sorgeranno altri problemi. “ Un impianto idrico sovradimensionato che potrebbe rifornire l’intera comunità”; frase attribuita al dr Di Gennaro, come riportato da alcuni organi di stampa. E allora mi chiedo : perché non si è proceduto in questo senso ? Perché creare negli anni continui disagi ai cittadini rispetto a un bene cosiddetto comune ? L’ esplosione in contemporanea del problema , anche in altri comuni della provincia , ancorchè non nuovo pone una serie di interrogativi : è solo un problema di cattiva manutenzione, di impianti obsoleti, insufficienti o cos’altro ? Certo è che i cittadini vivono periodici disagi a cui nessuno riesce a dare una risposta chiara. Le responsabilità sono diffuse a vari livelli e finora nessuno ha mostrato una reale volontà di risolvere realmente la questione. E’ leggittimo presupporre intenzioni diverse rispetto a un utilizzo pubblico dell’acqua? Ovvero esiste in fondo un pensiero nascosto rispetto a una gestione pubblica che si vuol evidenziare come fallimentare per procedere così a una sua privatizzazione ? Del resto tra i tanti processi di privatizzazione dei servizi pubblici c’ è quello dell’accesso all’ acqua. Sembrerebbe che lo stesso governo Renzi stia perseguendo tale scopo. Infatti con “ Sblocca Italia “ e “ La legge di Stabilità “ verrebbero offerti incentivi agli enti locali che privatizzeranno i servizi pubblici. Su questa stessa scia il Consiglio regionale, presieduto da Caldoro, a luglio scorso ha votato la Finanziaria comprendente due maxi emendamenti , uno dei quali riguardava appunto la privatizzazione dell’ acqua .In questo senso diventa più comprensibile la difficoltà nel cercare e trovare soluzioni fattibili e concrete rispetto a una questione di primaria importanza per la comunità. Forse ci vorrebbe un miracolo!!!!!

MADDALENA POERIO
Consigliere comunale “ L’Altra Mercogliano”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una Risposta »

  1. ka l’acqua nun c’è

Lascia un tuo commento