alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Dolore e commozione ai funerali di Elena Theodosiu, madre del consigliere Vittorio D’Alessio. Il sindaco Carullo: «grandi doti umane, di disponibilità e sensibilità»

Pubblicato in data: 19/1/2015 alle ore:22:59 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Funerale madre Vittorio D'Alessio2«Ho avuto la fortuna di conoscerla personalmente la signora Elena apprezzandone doti umane, disponibilità e sensibilità» con queste parole il sindaco di Mercogliano, Massimiliano Carullo, al termine della funzione religiosa, ha voluto ricordare questo pomeriggio, nella chiesa dell’Annunziata, la figura di Elena Theodosiu, scomparsa a 65 anni.

Dolore e commozione nel giorno dell’addio all’ex dipendente comunale, madre del consigliere di minoranza e presidente della locale Pro Loco, Vittorio D’Alessio.
Il suo grande cuore ha smesso di battere lasciando un vuoto nella comunità mercoglianese tra quanti l’hanno conosciuta.
In una chiesa gremita, quella dell’Annunziata, tanta gente si è voluta stringere così intorno alla famiglia Theodosiu-D’Alessio, al marito Enzo, ai figli Vittorio e Nicola, ai fratelli Antonio e Vincenzo e ai parenti tutti.
Funerale madre Vittorio D'Alessio1A celebrare il rito funebre i parroci Don Giuseppe Iasso e padre Andrea Garden.
«Con Elena  ci davamo la buona notte ogni sera. Questa chiesa gremita dimostra la grande solidarietà – ha dichiarato il parroco Don Giuseppe Iasso nell’omelia –. Nasciamo per morire, ma con Gesù moriremo per rinascere alla vita eterna».
Molto commovente anche l’intervento finale del primo cittadino che ha voluto tracciare un ricordo della signora Elena, del suo grande impegno profuso al Comune nell’area delle Politiche culturali, giovanili  e dei servizi sociali presso il Centro Sociale Campanello.
«La sua scomparsa la lasciato in tutta la comunità un sentimento di tristezza – ha proseguito Carullo -. Si è sempre segnalata per la sua grande disponibilità e cura delle competenze affidate. Nonostante le precarie condizioni di salute ha prestato la sua professionalità con amore e continuità, dimostrando grande forza d’animo e grande senso del dovere. La sua vita è stata dedicata altresì alla sua amata famiglia. Moglie e madre esemplare. Alla sua famiglia va l’affetto di tutta la Città di Mercogliano. Il suo dolce ricordo continuerà a vivere nei cuori di tutti noi. Vivere nei cuori che restano non è morire».
Nella chiesa presenti tanti amministratori e consiglieri di maggioranza e minoranza. Presenti anche l’ex primi cittadini Tommaso Saccardo e Sandro Criscitiello, il senatore di Fi Cosimo Sibilia.
Forte  anche il cordoglio del mondo del sociale, con il presidente regionale dell”Unpli, Mario Perrotti e Giuseppe Silvestri, il presidente della Pro Loco di Atripalda Lello Labate e tanti altri.
Anche il Consiglio comunale di Mercogliano, riunitosi nel tardo pomeriggio, ha tenuto un minuto di raccoglimento in ricordo della signora Elena.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento