alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Migranti, polemiche e proteste: stamane sit-in della Cgil sotto la Prefettura

Pubblicato in data: 15/1/2015 alle ore:13:27 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

migrantiAncora venti migranti di varie nazionalità sono arrivati nelle ultime ore in Irpinia: 13 sono stati alloggiati a Venticano e sette a Manocalzati.
Molti sono alloggiati anche a Mercogliano.
Intanto non si placano le proteste di quelli residenti da mesi in Irpinia e in attesa di essere ascoltati dalla Commissione Ministeriale Territoriale di Caserta.
Questa mattina sotto la Prefettura di Avellino la Cgil ha organizzato un sit-in di protesta con i profughi attualmente presenti in diverse strutture ricettive della provincia. Qualche giorno fa quelli di Monteforte e Mercogliano hanno già protestato perché da giorni non ricevono i ticket per i pasti. Una situazione che si sta aggravando e complicando, e a questo si è aggiunto l’aumento di presenze di richiedenti asilo che sfiora le 600 unità.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento