alpadesa
  
domenica 08 dicembre 2019
Flash news:   “Un Natale coi chioschi”, sabato 7 dicembre alle 17,30 l’inaugurazione Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Vaga nel Parco Nazionale del Partenio, i Carabinieri salvano un 18enne di Ragusa Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Riattivato lo sportello antiracket presso il Centro sociale “P.Campanello” di Mercogliano Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Lettera al sindaco di Mercogliano di una 12enne: «Per Natale regalaci una biblioteca» Le Sardine d’Irpinia in mille ad Avellino Cessione Us Avellino, il presidente Mauriello:”Mai assunto impegno a rassegnare le dimissioni dal CdA”

Sergio Mattarella eletto al Quirinale con 665 voti

Pubblicato in data: 31/1/2015 alle ore:14:44 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Sergio MattarellaSergio Mattarella è il nuovo Capo dello Stato. Con un lungo applauso, alla quarta votazione a Camere congiunte, Mattarella supera il quorum, incassando 665 voti diventando il nuovo presidente della Repubblica. “Il pensiero va soprattutto e anzitutto alle difficoltà e alle speranze dei nostri concittadini. E’ sufficiente questo”, le sue prime parole da capo dello Stato.
Un’elezione che ricompatta il Pd, cancellando la pagina vergognosa dei 101 elettori democrat che due anni fa impallinarono Prodi, ma spacca Fi, con una parte del partito di Berlusconi che disattende la decisione dei vertici di votare scheda bianca, dando invece la preferenza proprio a Mattarella.
Il nuovo Presidente della Repubblica giurerà martedì alle Camere.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento