alpadesa
  
sabato 30 maggio 2020
Flash news:   Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Pentecoste, domenica Santa Messa presso la Basilica Cattedrale del Santuario di Montevergine Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Tosap, Imu e Tari: il Comune scende in campo per il sostegno ai commercianti. FOTO Coronavirus, nuovo positivo in Irpinia: è di Contrada Coronavirus, calano i morti (+70) e aumentano i guariti (+3.503) ma i contagi restano +593 Screening sierologico ad Ariano: sono 60 i positivi al tampone Spari contro auto di giovani a Mercogliano, oggi in Prefettura Comitato per l’ordine pubblico

Sindone a Montevergine per salvarla da Hitler, documentario in tv

Pubblicato in data: 9/5/2015 alle ore:14:47 • Categoria: CulturaStampa Articolo

santuario-montevergineNell’ambito del programma “Indagine ai Confini del Sacro”, domani, 9 maggio, Tv2000 (canale 28 del digitale terrestre, 18 di TvSat, 140 di Sky, in streaming su www.tv2000.it) trasmette alle 22.40 “Il Mistero della Sindone salvata dai nazisti”. “Le nostre telecamere – si legge nella nota – sono entrate nell’Abazia di Montevergine e hanno documentato, per la prima volta, l’operazione segreta in cui il Sacro Lino è stato trasportato, per timore che Hitler e i nazisti potessero rubarlo, dal Duomo di Torino al Santuario di Montevergine, in Irpinia. Qui la Sindone resterà nascosta per più di 6 anni: dal 25 settembre 1939 al 29 ottobre 1946, data del verbale di riconsegna (la disposizione di Umberto II di Savoia porta la data del 10 giugno 1946). Foto, documenti, verbali, lettere (l’allora Sostituto alla Segretaria di Stato, Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI, inviò all’Abate di Montevergine un telegramma per discutere i dettagli dell’operazione) registri che testimoniano come i Savoia (che ne erano i proprietari) e il Vaticano sono riusciti a salvare la Sacra Sindone dalle mani di Hitler che ne era ossessionato. Infatti lui e molti aderenti al Partito Nazista nutrivano un interesse morboso per l’esoterismo e per i presunti grandi poteri che alcuni oggetti particolari, tra cui le più importanti reliquie cristiane, pensavano potessero avere. Per questo si misero alla ricerca del Santo Graal, della lancia di Longino e, appunto, della Sindone di Torino. La Sacra Sindone arrivò al Santuario di Montevergine a settembre del 1939. Fu presa in consegna dall’Abate e dal Priore, che la nascosero nel retro dell’altare, mentre tutti gli altri monaci rimasero sempre all’oscuro di tutto, fino alla fine della guerra. Il 29 ottobre 1946 fu riportata a Torino”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento