alpadesa
  
Flash news:   Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Rissa tra immigrati, paura e tensione a Mercogliano Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine. Donata una sciarpa al MAM e alla Pro loco Mercogliano Addio alla blogger, giornalista e insegnante Tina Galante Campo sportivo, Giacomo Dello Russo: “il nostro solo senso di responsabilità. Se il sindaco vuole altri chiarimenti li chieda al suo vice sindaco” Campo Sportivo, il sindaco risponde all’opposizione: “si ergono a protagonisti ma hanno donato a Mercogliano un campo in terra battuta, senza spalti e spogliatoi incompleti” Campo Sportivo, “Noi per Mercogliano” rivendica la paternità: “Finalmente finisce l’odissea. Merito delle procedure corrette dell’amministrazione Carullo” “Cosa ti aspetti?”, domenica al via la stagione dell’oratorio Don Bosco con i social games Campo Sportivo, la nota del gruppo “Noi per Mercogliano”: “La sentenza conferma il lavoro svolto dall’amministrazione Carullo”. Domani conferenza stampa alle 16

Paura a Mercogliano, Vigile Urbano aggredito da un bulgaro in Viale San Modestino finisce in ospedale

Pubblicato in data: 13/6/2015 alle ore:22:34 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Viale San Modestino 2Grave episodio di cronaca in serata questa sera a Mercogliano in pieno centro. Intorno alle ore 19 un vigile urbano in servizio è stato aggredito da un uomo di nazionalità bulgara, in evidente stato di ubriachezza in Viale San Modestino, nei pressi del bar “I Santi”. Secondo una prima ricostruzione il vigile in servizio Giueppe di Gaeta si è avvicinato all’uomo chiedendogli i documenti e per tutta risposta è stato colpito sulla parte sinistra del volto con un forte pugno ed è stato scaraventato a terra. Ad intervenire prontamente è stato un maresciallo dei carabinieri del comando provinciale di Avellino che si trovava per caso a Mercogliano e che ha bloccato il bulgaro fino all’arrivo dei carabinieri della locale stazione che hanno messo in stato di fermo l’aggressore. Prontamente sono intervenuti gli uomini del 118 che hanno prestato le prime cure del caso e hanno trasportato il vigile urbano al pronto soccorso della città ospedaliera. Il bulgaro si trova ancora tuttora in stato di fermo presso la stazione dei carabinieri di Mercogliano e dai primi accertamenti effettuati non risulta ne residente a Mercogliano e nè ad Avellino. Le condizioni di Giuseppe Di Gaeta non dovrebbero essere gravi in quanto è cosciente ed in serata è tornato a casa  come conferma il sindaco della cittadina alle falde del monte Partenio Massimiliano Carullo che si è recato prontamente sul luogo di dove è accaduto il fatto e poi in ospedale per sincerarsi delle condizione del vigile. La prognosi per il vigile è di 10 giorni salvo complicazioni. Il primo cittadino ha ringraziato il maresciallo dei carabinieri prontamente intervenuto ed ha anche precisato che il cinquantenne bulgaro non ha niente a che fare con i profughi che risiedono in città. In questi minuti anche il comandante Michele Leo si sta recando al pronto soccorso per sincerarsi delle condizioni del vigile. Un episodio che sicuramente ha messo paura e preoccupazione negli occhi degli abitanti mercoglianesi per questo nuovo fatto di cronaca che si è verificato in città e sicuramente questa non sarà una settimana da ricordare per la polizia municipale di Mercogliano.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento