alpadesa
  
domenica 19 gennaio 2020
Flash news:   Traforo del Partenio, nasce oggi il Comitato per il No Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Operazione Risorgimento Digitale”, il Comune di Mercogliano scelto per un progetto di educazione nell’utilizzo degli strumenti informatici Raccolta e smaltimento oli e indumenti usati, pubblicati due avvisi sul sito del Comune di Mercogliano La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Una fiaccolata per Antonio Dello Russo. Il fratello Giliberto: “chiediamo verità” Messa e fiaccolata in ricordo di Antonio Dello Russo questo pomeriggio a Mercogliano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno Niente mercato ad Avellino, ambulanti in piazza contro l’Amministrazione Festa Chiuse le indagini per l’aggressione all’assessore Giacobbe

Rapinati in sequenza quattro distributori di carburanti: in azione su una moto due napoletani

Pubblicato in data: 8/7/2015 alle ore:12:57 • Categoria: CronacaStampa Articolo

distributore-carburanteQuattro copli in un solo giorno. Nel pomeriggio di ieri, due individui a bordo di uno scooter hanno rapinato in sequenza quattro distributori di carburanti tra Avellino, Monteforte e Mercogliano. In tutte e quattro le occasioni è stata impiegata la stessa tecnica: hanno intimato di farsi consegnare i soldi sotto minaccia di una pistola. Le forze dell’ordine giunte nei vari luoghi dove sono ubicate le stazioni di servizio rapinate, hanno prelevato i filmati delle telecamere a circuito chiuso. Istituiti anche diversi posti di blocco. A quanto pare i due malviventi avevano un marcato accento napoletano.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento