alpadesa
  
sabato 30 maggio 2020
Flash news:   Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Pentecoste, domenica Santa Messa presso la Basilica Cattedrale del Santuario di Montevergine Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Tosap, Imu e Tari: il Comune scende in campo per il sostegno ai commercianti. FOTO Coronavirus, nuovo positivo in Irpinia: è di Contrada Coronavirus, calano i morti (+70) e aumentano i guariti (+3.503) ma i contagi restano +593 Screening sierologico ad Ariano: sono 60 i positivi al tampone Spari contro auto di giovani a Mercogliano, oggi in Prefettura Comitato per l’ordine pubblico

Pedinamenti, incursioni in casa e molestie all’ex moglie, arrestato stalker 44enne

Pubblicato in data: 26/9/2015 alle ore:15:03 • Categoria: CronacaStampa Articolo

carabinieri montagnaPedinamenti, incursioni in casa e molestie telefoniche, questa è la triste sequela di azioni attraverso cui, un uomo accecato dalla gelosia, aveva incominciato a perseguitare l’ex moglie.
Nella mattinata di ieri, i militari del Nucleo Investigativo, in esecuzione di provvedimento emesso dall’Ufficio GIP del Tribunale di Avellino, hanno tratto in arresto un pregiudicato 44enne di Mercogliano.
Attraverso una certosina e riservata attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica di Avellino diretta dal Procuratore Dr. Rosario Cantelmo e composta sia di raccolta di prove documentali che di escussione di persone informate sui fatti, i Carabinieri hanno doverosamente accertato la veridicità dei fatti ricostruendo date, luoghi e modalità esecutive con cui si erano materializzate le singole condotte persecutorie.
L’Autorità Giudiziaria, concordando pienamente con le risultanze investigative dell’Arma, spiccava nei confronti del marito violento la misura coercitiva degli arresti domiciliari, ritenendolo responsabile di ripetute condotte di atti persecutori e violenti. L’uomo, negli ultimi quattro mesi, a seguito di rottura della relazione sentimentale, si era reso responsabile di svariati atti persecutori nei confronti della donna, ingiuriandola, minacciandola e percuotendola, spesso cagionandone anche lesioni, inducendo la stessa a cambiare le proprie abitudini di vita.
Un altro delicato caso di violenza di genere che è stato risolto grazie alla sensibilità, alla professionalità ed alla sinergia tra i reparti del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento