alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino, ieri mattina presentato il Calendario Storico dell’Arma 2016

Pubblicato in data: 11/11/2015 alle ore:13:50 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Calendario carabinieri 2016 foto1Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino, il Tenente Colonnello Franco Di Pietro ha presentato ieri mattina alla stampa locale:

–    il Calendario Storico dell’Arma dei Carabinieri , ispirato dal tema “I Carabinieri e le arti

–    l’Agenda dedicata al centenario della Grande Guerra e a “I Carabinieri nella Resistenza e nella Guerra di Liberazione”.

Il notevole interesse da parte del cittadino verso il Calendario Storico dell’Arma, quest’anno con una tiratura di 1.200.000 copie, di cui 8.000 in lingue straniere (inglese, francese, spagnolo e tedesco), è indice sia dell’affetto e della vicinanza di cui gode la Benemerita, sia della profondità di significato dei suoi contenuti, che ne fanno un oggetto apprezzato, ambito e presente tanto nelle abitazioni quanto nei luoghi di lavoro, quasi a testimonianza del fatto che “in ogni famiglia c’è un Carabiniere”.

Calendario carabinieri 2016 foto2Nato nel 1928, dopo l’interruzione post-bellica dal 1945 al 1949, la pubblicazione del Calendario venne ripresa regolarmente nel 1950 e da allora è stata puntuale interprete, con le sue tavole, delle vicende dell’Arma e, attraverso di essa, della Storia d’Italia. Il Calendario ha una rilevanza importante per la famiglia dell’Arma, momento di coesione ed unità attorno ad un oggetto semplice, ma ispirato da grandi valori comuni, nel quale si riconoscono tutti i carabinieri e i loro comandanti, dalle grandi città ai più piccoli paesi.

La presentazione ha avuto inizio con il saluto del Comandante Provinciale Tenente Colonnello Franco Di Pietro ai giornalisti presenti, cui ha fatto seguito un breve excursus sul Calendario Storico e sull’Agenda. Ha quindi sottolineato come l’annuale presentazione abbia ormai raggiunto il fascino e la valenza di una tradizione giunta alla 71a edizione. Il primo calendario vide la luce a Firenze nel 1928 rievocando le tante immagini susseguitesi nel tempo sulle sue pagine dalle opere d’arte recuperate alle imprese sportive dei carabinieri atleti; dai giovani alle donne; dalla storia alla Bandiera dell’Arma, dalle missioni all’estero alle manifestazioni d’epoca. Nell’anno del Centenario della prima guerra mondiale e nel settantennale della liberazione si è voluto rendere omaggio all’Arma e all’arte pittorica, inserendo in alcuni capolavori di grandi pittori italiani ed europei immagini di carabinieri che risaltano nella bellezza e nella originalità di tali opere grazie alla tecnica sopraffina di pittura digitale di Silvia Di Paolo.

È stato proiettato un video di presentazione del Calendario, al termine del quale si è passati all’Agenda con la proiezione di un filmato che ne ha mostrato e spiegato i testi e le immagini, con particolare riferimento al ruolo svolto dai Carabinieri.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento