alpadesa
  
Flash news:   Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza

Restano bloccati a Montevergine per la neve: i Carabinieri di Mercogliano salvano 4 giovani

Pubblicato in data: 27/11/2015 alle ore:18:51 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Carabinieri sulla neveNella serata di ieri i Carabinieri della Stazione di Mercogliano hanno ricevuto una richiesta di aiuto da parte di quattro ragazzi che erano rimasti in panne sul Monte Partenio.
Poche le informazioni fornite ai Carabinieri circa il preciso punto in cui erano rimasti bloccati. Quello che emergeva dalla breve e confusa telefonata, sfavorita anche dalla scarsità del segnale telefonico, era lo stato di agitazione dei ragazzi dovuto anche al pensiero del sopraggiungere del buio della notte.
Si dava quindi inizio ad una tempestiva attività di ricerca, sviluppata con vari equipaggi dei numerosi servizi esterni, quotidianamente dispiegati dal Comando Provinciale di Avellino, setacciando i vari sentieri resi difficilmente percorribili dalla neve.
La caparbietà e la determinazione degli uomini dell’Arma, decisi a dare una risposta a quella disperata richiesta di aiuto, premiava alla fine gli sforzi poiché, nel corso della gelida serata, i militari rintracciavano i quattro ragazzi nei pressi del Santuario di Montevergine. Questi, di età compresa tra i 18 ed i 20 anni, in buone condizioni di salute sebbene emotivamente provati, si erano effettivamente recati a fare un’escursione a bordo di una piccola utilitaria sui campi innevati ma erano rimasti bloccati a causa delle condizioni del fondo che avevano impedito loro sia di proseguire che di invertire la marcia. Quindi, abbandonata l’auto in località Campo Maggiore, si erano incamminati verso il Santuario.
Ultimate le operazioni di soccorso, i quattro giovani venivano accompagnati presso la Caserma di Mercogliano ove i Carabinieri, mettendo la parola fine ad una situazione che avrebbe potuto facilmente avere ben più tragico epilogo, li riaffidavano all’affetto dei loro familiari.
Al riguardo si rammenta che dal 15 novembre 2015 al 15 aprile 2016 è in vigore l’obbligo di catene a bordo o pneumatici invernali. Saranno pertanto attivi sistematici dispositivi di controllo finalizzati alla verifica del rispetto dei provvedimenti tesi a non provocare situazioni di pericolo o intralcio alla circolazione salvaguardando la sicurezza stradale. È buona norma, comunque, che gli automobilisti siano prudenti, soprattutto in caso di condizioni meteorologiche avverse, regolando la velocità in relazione allo stato del veicolo, alle caratteristiche ed alle condizioni delle strade e del traffico. Sarebbe inoltre opportuno informarsi prima di mettersi in viaggio sullo stato di transitabilità e dei limiti di percorribilità. Evitare, infine, di lasciare il veicolo in posizioni che possano costituire pericolo o intralcio ai mezzi di soccorso, agli spazzaneve o agli altri utenti in transito.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento