alpadesa
  
Flash news:   Oggi pomeriggio la presentazione di mister Eziolino Capuano Le parole di coach De Gennaro alla vigilia della gara con la Virtus Arechi Salerno Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del Gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di MercoglianoNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici

Estorsione a Monteforte, scarcerati i due pregiudicati

Pubblicato in data: 5/4/2016 alle ore:16:43 • Categoria: CronacaStampa Articolo

TribunaleTornano in libertà il 41enne di Mercogliano e il 49enne di Avellino, i due pregiudicati arrestati lo scorso 15 marzo dai Carabinieri con l’accusa di estorsione ai danni del titolare di una scuola privata di Monteforte Irpino. Secondo l’accusa, i due, ritenuti vicini al clan Cava-Genovese, avevano estorto 100mila euro al titolare dell’istituto paritario di Monteforte. Nella mattinata di ieri in aula, presente alla discussione del Riesame, anche il pm dell’accusa. Il tribunale dopo una lunga camera di Consiglio, ha smontato la tesi accusatoria e ha deciso di scarcerare, non ritenendo sussistenti i gravi indizi di colpevolezza.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento