alpadesa
  
Flash news:   “Un Natale coi chioschi”, sabato 7 dicembre alle 17,30 l’inaugurazione Maurizio Terrazzi è il nuovo questore di Avellino Sidigas, ritirata l’istanza di fallimento Vaga nel Parco Nazionale del Partenio, i Carabinieri salvano un 18enne di Ragusa Giuseppe Petrucciani premiato come socio storico dell’Ucsi Riattivato lo sportello antiracket presso il Centro sociale “P.Campanello” di Mercogliano Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Lettera al sindaco di Mercogliano di una 12enne: «Per Natale regalaci una biblioteca» Le Sardine d’Irpinia in mille ad Avellino Cessione Us Avellino, il presidente Mauriello:”Mai assunto impegno a rassegnare le dimissioni dal CdA”

Abuso in atti d’ufficio, richiesta di rinvio a giudizio per il sindaco Massimiliano Carullo

Pubblicato in data: 4/6/2016 alle ore:13:25 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Richiesta di rinvio a giudizio  per il scarulloindaco di Mercogliano. Massimiliano Carullo a febbraio aveva ricevuto un avviso di garanzia  per abuso in atti d’ufficio. Questo il capo d’imputazione per la questione relativa all’avvicendamento della segretaria comunale Gemma Festa sostituita da un’altra collega.
Nodo della questione la delibera di Giunta riguardante l’assunzione di due dipendenti del Comune di Mercogliano che avrebbe portato allo scontro tra Carullo e Festa. Secondo quest’ultima lo scorrimento, votato e deliberato dalla Giunta, non sarebbe stato possibile e così espresse parere contrario rispetto alla procedura scelta dal Comune . Carullo bloccò il tutto e rispose con un’azione disciplinare nei confronti della segretaria chiedendone la revoca al Ministero.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento