alpadesa
  
Flash news:   Amdos Mercogliano, nell’assemblea non approvato il bilancio 2019: “Messo finalmente un punto di stop e si va avanti all’insegna del volontariato, solidarietà e grande stima” Coronavirus, nuovi contagi ad Avellino e Atripalda Domani visita in Irpinia per il Ministro Bonetti e il senatore Matteo Renzi Montevergine, al via il taglio dell’erba lungo la strada provinciale 274 “Stai comm’ o’ beato Giulio”: il 10 agosto a guardare le stelle cadenti a Montevergine con il Parco del Partenio Regionali, Castiglione FdI: De Luca sta distruggendo l’agricoltura Irpina Coronavirus, altri 7 casi positivi e 3 guariti in Campania oggi: in totale sono 5.016 Viabilità, ieri notte al via i lavori di segnaletica stradale orizzontale in via Nazionale Unpli Campania, finisce il commissariamento: è l’irpino Tony Lucido il nuovo presidente. Gli auguri della Proloco Mercogliano Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno

Sequestrate due palazzine ad Avellino: indagati il costruttore di Mercogliano ed i committenti due fratelli atripaldesi

Pubblicato in data: 29/6/2016 alle ore:09:43 • Categoria: CronacaStampa Articolo

auto-forestaleBlitz del Corpo Forestale ad Avellino. Due palazzine di recente costruzione sono state sequestrate in via Carafa, nel popoloso quartiere di San Tommaso.

Tra garage, mansarde e appartamenti (venduti e ancora non venduti), si parla di 75 unità abitative.

Un maxi sequestro per l’equivalente di sei milioni di euro che ha lasciato sgomenti quanti avevano già chiuso l’accordo di compravendita dei nuovi alloggi. Agli inquilini per il momento sarebbe stata concessa la facoltà d’uso in attesa dei riscontri giudiziari.
Indagati il costruttore, un imprenditore di Mercogliano, i committenti, due fratelli atripaldesi, tecnici della ditta di costruzione e dirigenti e funzionari comunali.

I sigilli sono scattati questa mattina; parallelamente, gli agenti del Corpo Forestale dello Stato hanno ‘visitato’ nuovamente gli uffici del Comune.

L’operazione rientra nella più vasta inchiesta sulle costruzioni abusive in città che ha già portato a numerosi sequestri, perché realizzate nonostante il vincolo del Rio San Francesco.

Secondo la Procura di Avellino, coordinata da  Rosario Cantelmo, anche questi immobili, al pari di quelli già posti sotto sequestro, non avrebbero rispettato il vincolo idrogeologico a cui queste zone sono sottoposte.

La stessa Procura di Avellino ha anche acquisito gli atti della giunta regionale della Campania con i quali il corso d’acqua è stato declassificato, dando così via libera alla facoltà di edificare.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento