alpadesa
  
domenica 17 novembre 2019
Flash news:   Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Denunciato titolare di un’impresa edile di Mercogliano ritenuto responsabile di Gestione illecita di rifiuti provenienti da demolizioni e costruzioni Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino

La Sidigas combatte ma è costretta ad arrendersi a Milano

Pubblicato in data: 10/10/2016 alle ore:12:25 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

Milano - CremonaLa Sidigas non riesce ad espugnare il parquet di Milano. Gli uomini di Sacripanti se la giocano alla pari cedendo solo nel finale con il punteggio di 87-81. Ottime le prove di Fesenko autore di 22 punti e 7 rimbalzi, Thomas che ne fa 19 e Ragland che mette a referto 13 punti e 6 assist. Sabato in anticipo alle 20.45 si ritorna al ‘DelMauro’ contro Pistoia.

Avellino inizia difendendo forte, ma Milano spezza la difesa dei biancoverdi con Dragic e Pascolo (4-0). Scambio di triple tra Thomas e Cinciarini, Leunen invece sbaglia dalla lunga distanza mentre Macvan segna due punti facili dall’area (12-5). La Sidigas si scuote con Randolph e Ragland che segnano da dentro l’area, l’Armani invece segna sei punti consecutivi con Simon che costringe Sacripanti al time out (22-12). Entrano Fesenko e Obasohan ed il primo trova subito due punti da dentro l’area, il secondo serve Leunen che segna da tre (24-17). L’Ucraino mette 4 punti consecutivi che fanno ritornare Avellino in partita, con il quarto che si chiude con gli irpini a -3 (24-21).

La frazione si apre con Fesenko che continua a segnare da dentro l’area facendo commettere subito due falli a Raduljica, Green invece da tre dà il primo vantaggio alla Sidigas con Repesa che chiama time out (26-28). Al ritorno in campo mini parziale dell’Armani di 5-0 firmato Raduljica e Hickmann. Ragland si mette in proprio da tre ed Avellino è ancora avanti (33-34). I biancoverdi difendono bene ed in attacco Cusin segna da dentro l’area e Thomas in penetrazione. McLean segna cinque liberi consecutivi che riportano Milano a +2 alla fine del quarto (40-38).

Il terzo quarto si apre con Pascolo che segna 6 punti di fila dopo le transizioni di Thomas e Ragland, ma è ancora il lungo della Nazionale Italiana che segna in contropiede e costringe Avellino al time out (50-42). Dopo un mini parziale di 5-0 di Milano, è ancora Thomas che segna in penetrazione (57-46). Fesenko fa 2+1, Milano segna con Cinciarini, Simon e Gentile. Leunen prova ad accorciare da tre (66-54).
Gentile segna da dentro l’area, mentre Hickmann dalla media distanza, la Sidigas risponde con Fesenko che schiaccia, mentre Obasohan da tre cerca di ridurre le distanze (72-59). Dopo un 2+1 di Gentile, prima Leunen da tre e poi Fesenko da sotto riportano Avellino a -9 (75-66). Ragland in penetrazione ed ancora Fesenko che schiaccia e subisce fallo ed ora la Sidigas è a -5 (76-71). McLean e Hickmann segnano quattro punti consecutivi, ma Obasohan segna prima dai 6,75 e poi fa 1/2 dalla lunetta (80-75). McLean segna 5 punti consecutivi con Fesenko invece che schiaccia in transizione (85-77). 4 punti consecutivi della Sidigas frutto di un 1/2 di Ragland e una tripla di Thomas riportano i lupi a -4, ma Hickmann chiude la gara con due tiri liberi dalla lunetta.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento