alpadesa
  
Flash news:   Giorno della Memoria, il sindaco di Mercogliano D’Alessio: ”la conoscenza del passato è l’antidoto per il futuro” Oggi il Giorno della Memoria per non dimenticare la tragedia della Shoah Non basta Micovschi, finisce 1-1 col Picerno “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre La Scandone Avellino battuta da Citysightseeing Palestrina per 57-60 Capocastello, iniziano i lavori di messa in esercizio della rete del gas Avellino, arriva il portiere Andrea Dini M5S raccoglie le firme domani a Mercogliano per l’installazione di centraline per rilevare le polveri sottili Oggi 24 gennaio si festeggia San Francesco di Sales patrono dei giornalisti Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti

Raffica di furti nei garage di Torelli, la denuncia di una residente: “Ci sentiamo insicuri”

Pubblicato in data: 20/10/2016 alle ore:10:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

furti-garage-2Raffica di furti a Torelli di Mercogliano. Presi di mira nella notte tra martedì e mercoledì diversi garage di un condominio di via Traversa. A dare l’allarme intorno alle 5.30 di ieri mattina un residente della palazzina che, entrando nel piano interrato per prendere l’auto e andare a lavoro, ha notato le luci accese, diverse porte basculanti alzate e varie bottiglie abbandonate in terra. L’uomo ha così allertato i Carabinieri della locale stazione agli ordini del Comandante Maffei, che giunti immediatamente sul posto hanno effettuato un sopralluogo per i rilievi del caso: manomessi con la tecnica del buco, ovvero un taglio circolare a pochi centimetri dalla maniglia di apertura della porta metallica, ben 18 garage su 23. Fortunatamente, i malviventi, probabilmente spaventati dal suono di un antifurto scattato durante la manomissione, non sono riusciti a portare via nulla di valore e si sono così dati alla fuga. Danni registrati, dunque, solo alle porte basculanti metalliche a chiusura dei singoli posti auto. «Sono mesi che la zona è vessata da questi delinquenti tra furti di auto e oggetti di diverso tipo – racconta una condomina di Parco Gioia, recintato e chiuso da cancello elettrico – per questo abbiamo fatto regolare denuncia per evidenziare quanto accaduto».
Alcuni mesi fa, infatti, con lo stesso modus operandi, si sono registrati i primi simili episodi. In quei casi, furono rubate diverse automobili utilizzate probabilmente per trasportare la refurtiva stessa in quanto tali autovetture, tutte di poco valore commerciale, sono state poi ritrovate nei pressi di Afragola in provincia di Napoli. Fatto che farebbe pensare, quindi, ad un utilizzo logistico delle auto volto proprio al trasporto del materiale rubato. Furono trafugati, infatti, anche attrezzi da giardino, tagliasiepi, decespugliatori, biciclette e addirittura scarpe usate, detersivi, taniche di olio da cucina e scatolette di pomodori. «Non si tratta di fatti sporadici visto che solo venerdì scorso la stessa sorte è toccata ad alcuni garage di palazzi poco distanti – prosegue la donna -. E’ accaduto anche a mio padre e a mio suocero a cui è stata rubata l’auto e poi ritrovata nel napoletano. Purtroppo tra parenti, amici e conoscenti non c’è nessuno che non abbia subito un fatto del genere».
Intanto giungono rassicurazioni dal Comando di Mercogliano che si sta occupando delle regolari indagini in corso: «Il servizio di controllo sul territorio è svolto h24 e anche le telecamere sono perfettamente funzionanti». «Ci auguriamo che i colpevoli siano presto individuati – conclude la residente – non possiamo più vivere nella paura e non sentirci sicuri a casa nostra».
FdL
furti-garage-1

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento