alpadesa
  
Flash news:   Montervergine, riaperto ieri il Museo Abbaziale: intervista al direttore Don Giovanni Maria Gargiulo Funicolare, da domenica prossima riprendono le corse verso il Santuario Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto “Il Sindaco risponde”, la nuova rubrica di MercoglianoNews Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Torelli, spari contro un auto: ferito un giovane. Indaga la Polizia Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia Air Mobilità, potenziati i collegamenti tra Atripalda e Mercogliano Coronavirus, incremento dei contagi a +669 casi e 119 morti in un giorno

Scontro Carullo-Festa, la segretaria: “In Tribunale per gli atti che il sindaco adottò contro di me”

Pubblicato in data: 25/10/2016 alle ore:08:00 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

carullo-festa«La vicenda giudiziaria che mi riguarda in qualità di parte offesa afferisce non certamente alla diversa legittima opinione che la sottoscritta e il sindaco di Mercogliano avevano sulla questione delle assunzioni del personale ma gli atti che costui adottò nei miei confronti». E’ quanto afferma, attraverso il suo legale, l’avvocato Ernesto Matarazzo, l’ex segretaria comunale dell’ente guidato dal sindaco Massimiliano Carullo, dottoressa Gemma Festa. Una querelle che da mesi non accenna a placarsi e che il prossimo gennaio sarà dibattuta nelle aule del Tribunale di Avellino in seguito al rinvio a giudizio del primo cittadino per abuso in atti d’ufficio. «La vicenda che mi riguarda quale parte offesa nel giudizio che si terrà il prossimo gennaio a carico del professor Carullo  – prosegue – riguarda l’avvio del procedimento disciplinare e di revoca seguito alla delibera relativa alle assunzioni per la quale avevo espresso alcune perplessità alla base di ciò si poneva una mia asserita “condotta di rilievo penale” tant’è che mi si contestavano ben sette reati attinenti per lo più al falso».

In particolare nell’avvio del procedimento disciplinare il sindaco chiedeva al Ministero dell’Interno l’irrogazione nei miei riguardi della sanzione del licenziamento». Dunque Festa in relazione alle accuse mossegli di «aver apportato modifiche di proprio pugno alla delibera di Giunta» sottolinea: «per completezza ricordo che l’oggetto del contendete non è il deliberato assunto bensì i comportamenti del sindaco Carullo nei miei riguardi con gli atti attraverso i quali avviò contro di me, successivamente alla legittima espressione del mio parere su un atto che la giunta ritenne, come poteva, di assumere». Inoltre «il provvedimento disciplinare chiesto dal sindaco per il mio licenziamento – ribadisce – si è regolarmente svolto a mio carico e concluso con un decreto di assoluzione da parte del Prefetto di Napoli». Infine, in riferimento all’accordo consensuale concluso con Carullo: «si riferisce al solo scioglimento del rapporto di servizio che io avevo con il Comune di Mercogliano dove – conclude – evidentemente non potevo più operare serenamente».

 FdL

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento