alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nuovo caso a Mercogliano: 4 in Irpinia. I contagiati salgono a 536 Coronavirus, la Regione rinnova l’invito: “No assembramenti, il virus è ancora presente” Coronavirus, 92 le vittime registrate in un giorno e solo 300 nuovi positivi Pentecoste, il 31 maggio Messa di ringraziamento per l’emergenza Coronavirus a Montevergine: invitati cittadini e famiglie colpiti dal virus Montervergine, riaperto ieri il Museo Abbaziale: intervista al direttore Don Giovanni Maria Gargiulo Funicolare, da domenica prossima riprendono le corse verso il Santuario Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto “Il Sindaco risponde”, la nuova rubrica di MercoglianoNews Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima”

Capocastello, venerdì concerto in ricordo della Shoah

Pubblicato in data: 23/1/2017 alle ore:18:32 • Categoria: CulturaStampa Articolo

Il 27 gennaio, alle ore 18,00, nella chiesa dei SS. Pietro e Paolo di Capocastello, in occasione della giornata della memoria, si terrà un concerto in ricordo della Shoah organizzato dall’associazione musicale MIR, di cui è presidente il M° Modestino De Chiara ed è direttore artistico il M° Claudio Ciampa. L’evento è patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Mercogliano. Verrà eseguita la cantata scenica “Quando viene la notte?” per voci, ensemble strumentale ed orchestra composta all’interno della classe di composizione del M° Giacomo Vitale, presso il Conservatorio “Cimarosa” di Avellino . Musiche asciutte ed essenziali , ora sommesse, ora gridate interagiranno con le testimonianze letterarie di Anna Frank e Primo Levi che verranno proposte al pubblico attraverso voci narranti tra le quali spicca quella dell’attrice Anna Maria Ackerman. Un intreccio di musica e parole che toccano le corde dell’anima attraverso la rievocazione della disperazione e della distruzione totale vissute dal popolo ebraico negli anni della seconda guerra mondiale. Un dolore che non è lontano dalla nostra sensibilità, se pensiamo ai terribili fatti legati alle dinamiche di esclusione e di razzismo, così attuali nella nostra società. Ad aprire le porte della Chiesa, il parroco don Vitaliano Della Sala il quale ha subito colto l’invito ad ospitare la manifestazione in virtù di una sensibilizzazione all’accoglienza, oggi necessaria più che mai.
Un ricordo doveroso, dunque, per non dimenticare il passato e che sia di augurio per un futuro di speranza perché nessuno, anche nella notte più nera, può spegnere la luce dell’anima.
I giovani protagonisti dell’evento, compositori insieme al M° Giacomo Vitale delle musiche che verranno eseguite, sono Vincenzo Albi, Luigi Bellino,Umberto Ciccone, Domenico De Risi, Rino Faggella, Piercarmine Garzillo, Antonio Gomena, Giovanni Marco Di Lena, Daria Scia, Antonio Sabbatino, Mario Sasso, Vincenzo Tammaro, Emanuele D’Onofrio, Walter Pacelli.
Da segnalare, inoltre, la presenza, tra gli esecutori, del M° Ermanno Calzolari, eccellenza musicale irpina nel panorama internazionale.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 Risposte »

  1. ANDATE A VEDERE KUELLO KE STANNO KOMBINANDO LI EBBREI CON I PALESTINESI IN GERUSALEMME SEMPLICE VOGLIONO SCACCIARLI DALLA TERRA NEANCHE SE DOPO 2000 ANNI SI POTESSE RIMETTERE INDIETRO OROLOGIO DELLA STORIA NON ENE ROBA DA POPOLO DI ALIENI??????????????????????????

  2. VEDETE KE ANKE ITALIANI SONO STATI PERSEGUITATI BASTA VEDERE KUELLO CKE SUCCEDEVA IN ISTRIA ATTUALMENTE POSSEDUTA DALLA CROAZIA SOTTO IL REGIME DEL POPOLO KOMUNISTIKO TITINO CHE TRUCIDO’ MIGLIAIA DI NOSTRANI E COSTRINSE ALL’ABBANDONO DELLE PROPRIE CASE NONCHE DELLE ATTIVITA’ DEGLI ITALIANI DELLA ZONA BASTA PENSARE CHE IL TITO SI E’ VOLUTO IMPOSSESSARE ADDIRITTURA DEL PORTO DI TRIESTE KOME VVVA???

Lascia un tuo commento