alpadesa
  
Flash news:   Traforo del Partenio, nasce oggi il Comitato per il No Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Operazione Risorgimento Digitale”, il Comune di Mercogliano scelto per un progetto di educazione nell’utilizzo degli strumenti informatici Raccolta e smaltimento oli e indumenti usati, pubblicati due avvisi sul sito del Comune di Mercogliano La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Una fiaccolata per Antonio Dello Russo. Il fratello Giliberto: “chiediamo verità” Messa e fiaccolata in ricordo di Antonio Dello Russo questo pomeriggio a Mercogliano Da domani attivi tre nuovi autovelox sul raccordo Avellino-Salerno Niente mercato ad Avellino, ambulanti in piazza contro l’Amministrazione Festa Chiuse le indagini per l’aggressione all’assessore Giacobbe

Piscina comunale, Iandolo e Buonaiuto:”Promesse disattese e tempi lunghi per la riapertura”

Pubblicato in data: 28/1/2017 alle ore:14:47 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Nello scorso consiglio comunale del 21.12.2016 i sottofirmatari consiglieri comunali Angelo Iandolo ( Mercogliano Cambia ) e Antonio Buonaiuto (Per Mercogliano), hanno presentato una interrogazione al Sindaco per conoscere la natura degli interventi, i costi ed i tempi per la riapertura della piscina comunale.

La maggioranza, in quella sede, ha minimizzato la problematica ed ha garantito la riapertura del plesso sportivo entro la fine del mese di gennaio.

In particolare, la maggioranza ha parlato di “lamiera spostata dal vento e presenza di qualche calcinaccio”, episodi che, sempre a detta della stessa, non dovevano suscitare preoccupazioni in quanto risolvibili in poco tempo e con un impegno di spesa contenuto nei limiti di €60.000,00.

Così non è, e, ancora una volta la maggioranza manifesta la sua assoluta inadeguatezza ed incapacità.

Ed infatti, dalla semplice lettura della perizia tecnica redatta dal Prof. Faella e dall’Ing. Vignola si ricava un quadro assolutamente diverso da quello dipinto dalla maggioranza. Gli interventi da effettuare sono molteplici e di natura  più complessa rispetto a  quelli preannunciati in consiglio.

Ma vi è di più e di peggio.

Ed infatti, nelle conclusioni, i professionisti incaricati, ritengono necessario “eseguire la verifica della vulnerabilità sismica dell’edificio”, così come previsto dall’art. 2, comma 3, dell’OPCM 3274/2003.

E’ di tutta evidenza, anche ai non addetti ai lavori, che tale verifica dovrebbe essere effettuatta prima di ogni altro intervento.

Diversamente si rischierebbe di intervenire, sopportandone i relativi costi, su una struttura che all’esito della verifica di vulnerabilita’ sismica potrebbe risultare inadeguata e quindi abbisognevole di interventi di ben altra natura.

Evidentemente cosi’ non e’ per la maggioranza che nella delibera n.188 del 27.12.2016 non fa alcun riferimento alla necessita’ di effettuare la suddetta verifica di vulnerabilita’ sismica, limitandosi ad impegnare il non trascurabile importo di euro 90.000,00 per effettuare solo una parte degli interventi prescritti dai tecnici incaricati.

In pratica, siamo alle solite e “approssimazione”, “incapacita’ gestionale”,  “irresponsabilita’” e  “sperpero” continuano a rappresentare i caratteri distintivi di questa maggioranza.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento