alpadesa
  
Flash news:   Rissa a Capocastello, torna il sereno tra il sindaco e l’associazione “Comunità Accogliente”. D’Alessio: ” Nelle abitazioni a Capocastello riscontrate situazioni indecenti “ Coronavirus, negativi i primi diciotto tamponi in Irpinia “Mercogliano Servizi”, parte l’era del nuovo CdA targato Scibelli: “Siamo molto motivati e fiduciosi. I parcometri saranno una risorsa per la città” Coronavirus, chiusura straordinaria delle scuole in Campania per tre giorni Coronavirus, tampone positivo in Campania L’Avellino vince il derby con la Paganese Piscina Comunale, predisposta la chiusura venerdì 28 febbraio per disinfettazione della struttura Risse tra extracomunitari: domani conferenza stampa congiunta del sindaco di Mercogliano e di Comunità Accogliente Us Avellino, il presidente Izzo: “pronto a restare con D’Agostino o a cedere le mie quote” A Capocastello intitolata la piazza del borgo alla Zeza di Mercogliano. Foto

Ritardi recapito corrispondenza, Colarusso (Fnp Cisl) scrive al direttore delle Poste di Avellino

Pubblicato in data: 26/3/2017 alle ore:12:00 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

 

Di seguito la lettera inviata al Direttore Poste Avellino da Carlo Colarusso Segretario FNP IrpiniaSannio.
“Egregio Direttore, numerosi nostri iscritti residenti nel Comune di Mercogliano lamentano, oramai da mesi, la sistematica ritardata consegna della corrispondenza. Un disservizio che produce un aggravio delle spese familiari. Infatti le bollette delle utenze, in particolare Enel, Acqua, Gas e telefono vengono recapitate oltre il termine di scadenza riportato sul bollettino di pagamento. Questo induce le aziende ad applicare, sulle bollette successive, le indennità di mora. Un aggravio di spese che incide in maniera percentualmente sensibile sul bilancio delle famiglie, in particolare dei pensionati che, come è del tutto ovvio, non hanno alcuna responsabilità della ritardata consegna e, quindi, del ritardato pagamento. 

Le ragioni di questo disservizio, secondo quanto sostengono i nostri iscritti, vanno ricercate nella nuova organizzazione della consegna della posta e nella carenza di postini. La invitiamo, pertanto, per quanto di sua competenza, ad individuare le soluzioni per evitare che il vostro disservizio venga pagato da chi, ogni giorno, deve fare i salti mortali per far quadrare i bilanci familiari. E’ bene sottolineare che nel nostro territorio 59.000 pensionati percepiscono una pensione inferiore a 500 euro mensili e ben 128.000 pensionati non raggiungono i 1.000 euro mensili. Siamo disponibili ad un incontro per individuare una strategia di intervento che non penalizzi i nostri iscritti. Nello stesso tempo, in mancanza di valide soluzioni, siamo pronti ad intraprendere tutte le azioni di protesta a tutela dei diritti dei cittadini, procedendo a diffidare le Poste, in base all’articolo 140 del Codice del consumo che prevede sanzioni nei confronti degli enti pubblici che non svolgono il servizio secondo standard di qualità ed efficienza. Come sindacato, inoltre, proponiamo di reintrodurre la timbratura della corrispondenza ordinaria, sia in partenza sia in arrivo nel giorno della consegna: infatti se l’utente ha pagato in ritardo, perché in ritardo ha ricevuto la busta contenente la bolletta, non può dimostrarlo, perché sulla busta manca sia il timbro postale di partenza sia quello di recapito all’utente. In attesa di un rapido riscontro, salutiamo distintamente”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 Risposte »

  1. SONO d’accordo con te qui i disservizi sono tanti anche nel mio comune vicino ad Atripalda si verificherebbe cio’ :CHI DOVREBBE PAGARE LA POLITICA DEI TAGLI IMPOSTE DA POSTEITALIANE SPA SE NON IL PERSONALE E MAI L’UTENTE ALTRIMENTI SIGNIFICA CHE NON RENDONO UN EFFECACE SERVIZIO E POTREBBERO INCORRERE IN SEVERE SANZIONI AUTORITA’ PREPOSTE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!11111111

  2. QUA la posta non arriva QUASIMAI

  3. ANCHEio non ho mai visto un POSTINOO

Lascia un tuo commento