alpadesa
  
Flash news:   I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Sorpreso a cedere hashish a un minorenne: studente ventenne di Mercogliano arrestato dai Carabinieri Sibilia in visita alla Lega B: incontro con Balata Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi” Final Eight: la Sidigas Scandone si ferma ai quarti Grande partecipazione all’accensione dei falò in onore dei Santi Patroni Modestino, Fiorentino e Flaviano. FOTO Traforo del Partenio che colleghi Mandamento con la Valle Caudina: lunedì in Regione la firma del protocollo d’intesa A Lumanera, stasera la tradizione rivive a Capocastello

Taccone: «Con Marcolini trattativa lampo, ha tutti gli ingredienti per fare bene»

Pubblicato in data: 20/6/2018 alle ore:15:49 • Categoria: Avellino calcioStampa Articolo

«Siamo contenti che Michele Marcolini abbia accettato. E’ stato un fidanzamento immediato nonostante quello che ho letto sui giornali. Mi sono incontrato con il mister e con il direttore Enzo De Vito e subito abbiamo trovato l’intesa. E’ bastata una chiacchierata e spero che questo accordo sia proficuo per tutti. Abbiamo sottoscritto un contratto annuale con l’opzione per il secondo anno».
Così il patron Walter Taccone alla presentazione alla stampa del nuovo tecnico biancoverde Marcolini insieme al ds De Vito. Sull’assenza dei tifosi: «Non posso fare altro che prenderne atto. Non è una novità che da due anni a questa parte ci sono persone che remano contro l’Avellino. E’ uno stimolo in più, dobbiamo fare in modo che tornino allo stadio e che incitino la squadra e lo staff tecnico. Ricordo i momenti con mister Tesser o mister Novellino. Non sono preoccupati perché so bene che bastano due risultati utili per far tornare i tifosi allo stadio».
Si punterà sui giovani: «Abbiamo perso 850mila euro dai contributi di Lega perché i giovani hanno giocato pochissimo. Io non devo costringere il mister a far giocare ragazzi giovani, ma l’allenatore aziendalista deve valutare, oltre all’aspetto tecnico anche quello economico. Queste risorse che arriveranno saranno ovviamente investite nella squadra». Sull’ampliamento dell compagine societria: «Ho l’onore di rappresentare la città di Avellino nel mondo calcistico. Ho l’onere di rappresentare l’Avellino. Se nessuno mi vuole dare una mano ho l’onere e l’onore di continuare da solo. E non è una cosa che mi piace perché non mi piace essere oberato di responsabilità. Confermo che quando ci sarà qualcosa di concreto, la stampa sarà informata immediatamente».
Per il ds Enzo De Vito: «Lo osserviamo da tempo Marcolini, ci è sempre piaciuto il modo di allenare e il modulo. Lo abbiamo fatto crescere e al momento giusto lo abbiamo contattato. Chiediamo alla piazza di pazientare, tra qualche mese capiremo se le scelte operate sono state giuste o meno».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento