alpadesa
  
Flash news:   Non mandano la figlia a scuola: genitori denunciati dai Carabinieri di Mercogliano La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco lungo il viale di San Modestino. Foto Tentata truffa ad un’anziana di Mercogliano, indagini in corso dei Carabinieri Sabato su Rai Tre il segreto di Montevergine che salvò la Sacra Sindone Nasce il sito web made in Mercogliano dedicato al mondo del wedding in Campania Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro

Montevergine, inaugurata la mostra intitolata “Fede e Devozione nell’arte minore dimenticata. Tesori di Culto Recuperati dai Carabinieri”

Pubblicato in data: 6/7/2018 alle ore:12:23 • Categoria: Attualità, CulturaStampa Articolo

Giovedì 5 luglio 2018, alle 12.00, presso le Sale del Museo della prestigiosa Abbazia di Montevergine, alla presenza dell’AbateRiccardo Luca Guariglia, del Procuratore della Repubblica di Isernia, Dottor Paolo Albano, del Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC), Generale di Brigata Fabrizio Parrulli, è stata inaugurata un’esposizione di beni d’arte,promossa dall’ Abbazia di Montevergine, in collaborazione con ilComando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale ed il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Durante la mostra sarà possibile ammirare importantissime opere riconducibili alla storia dell’Abbazia ed nel contempo una selezione di beni recuperati, nel corso dell’operazione denominata “Start-Up”, condotta dal Nucleo Carabinieri TPC di Napoli, coordinata dalla Procura della Repubblica di Isernia, finalizzata alla disarticolazione di un sodalizio criminale, operante in varie regioni italiane, dedito al furto ed al traffico illecito di beni culturali di natura ecclesiastica che ha permesso di sequestrare numerosi oggetti di culto asportati da chiese e abitazioni private.

Parte di questi manufatti sono già stati restituiti ai legittimi proprietari, mentre per le 130 opere di natura liturgica (reliquiari, ostensori, calici, crocifissi ecc), esposte, non è stata ancora accertata la provenienza. In questo modo l’evento odierno permetterà, altresì, di coadiuvare gli organi investigativi ad appurare la loro originaria collocazione.

L’evento, pertanto, avvalora, altresì, l’importanza dell’opera di sensibilizzazione che le articolazioni di questo Comando quotidianamente compiono con i responsabili degli Uffici Diocesani, anche attraverso la divulgazione, ai Parroci, della pubblicazione “Linee Guida per la Tutela dei Beni Culturali Ecclesiastici”, realizzata da questo Comando nel 2014 unitamente alla Conferenza Episcopale Italiana. Il documento oltre a contenere consigli pratici per la difesa dei beni chiesastici da eventi predatori, diffonde e valorizza le iniziative di catalogazione e censimento dei beni delle Diocesi che, con grande impegno, stanno conducendo in ordine al proprio patrimonio culturale.

La mostra temporanea, sarà aperta al pubblico dal 7 luglio 2018, ore 09:30-12:30 e 15:00 18:00 (dal lunedì al venerdì), mentre sabato e domenica l’apertura diurna sarà fino alle 13:00.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento