Flash news:   Covid 19, 494 positivi in Irpinia: 12 residenti nel comune di Mercogliano Covid 19, 684 persone contagiate in Irpinia: 16 residenti nel comune di Mercogliano In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Mercogliano Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 11 residenti nel comune di Mercogliano POC Campania 2014/2020, finanziato il progetto “Il cammino di San Guglielmo e dei Battenti” Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore e commozione Covid 19, 563 contagi in Irpinia: 10 residenti nel comune di Mercogliano Coronavirus, 502 persone positive in Irpinia: 20 residenti nel comune di Mercogliano Covid 19, in Irpinia 854 persone contagiate: ben 25 residenti a Mercogliano La Chiave di Milot rimossa dalla rotatoria di Mercogliano, Della Pia (Prc): “No impunità, intervenga Procura”

Campo sportivo, nuovo stop: istanza di sequestro e sospensione dei lavori

Pubblicato in data: 21/8/2018 alle ore:10:24 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Istanza di sequestro e sospensione dei lavori  per il campo sportivo di via Marconi. Le disposizioni arrivano dopo il deposito, da parte dell’Ufficio Fallimentare lo scorso 29 giugno, del ricorso per accertamento tecnico preventivo predisposto affinché il Tribunale di Avellino nomini un consulente tecnico d’ufficio per la quantificazione dei danni subiti dalla vecchia società appaltatrice dei lavori che si aggiudicò il I lotto dell’opera nel 2010. «Il sequestro ha lo scopo di cristallizzare il tutto per consentire al consulente di valutare lo stato dei luoghi – afferma l’avvocato incaricato dal Comune del sindaco Carullo, Pietro Musto -. Successivamente il Tribunale si esprimerà sull’ammissibilità o meno della proposta strumentale alla causa di merito». L’Amministrazione, da parte sua si dice «serena» in quanto «la ditta non ha mai fatto alcuna riserva sui documenti contabili dei lavori riguardo a richieste di maggiori oneri supportati o qualsivoglia danni subiti – prosegue Musto -. Per di più c’è un atto di sottomissione in una clausola di contratto aggiuntivo, in cui la ditta rinuncia a tutte le maggiori richieste ed, inoltre, il Comune ha già vinto l’altro contenzioso relativo alla rescissione contrattuale mai impugnato dal privato, a conferma della correttezza dell’Amministrazione. Tutto già evidenziato all’autorità giudiziaria».
Bloccato, dunque, nuovamente l’iter per il prosieguo degli interventi affidati, lo scorso mese di luglio, dopo la rescissione contrattuale con la «Avitabile Costruzione» alla «Sandullo Costruzioni srl» per il completamento della prima parte delle opere. L’istanza di sequestro dell’area dei lavori, notificata il 3 agosto nell’interesse del Fallimento Avitabile Costruzioni di Giovanni Avitabile & C. s.a.s.,  «è stata chiesta, nelle more del giudizio per accertamento tecnico preventivo, per preservare lo stato dei luoghi e l’espletamento delle operazioni dei periti nonché di ordinare al Comune di Mercogliano la sospensione dei lavori, nell’ipotesi in cui il giudice non dovesse ritenere di procedere inaudita altera parte», come si evince dalla delibera di giunta numero 141 dello scorso 7 agosto alla presenza del sindaco Carullo, del vice sindaco Izzo e degli assessori Gesualdo e Napolitano. Assenti, invece, Di Nardo e Sbrescia. Di qui la nomina del legale, avvocato Pietro Musto, da parte dell’ente guidato dal sindaco Carullo per affermare le proprie ragioni nel giudizio al Tribunale di Avellino che ha fissato la prima udienza al prossimo 28 agosto.
Un ennesimo stop alla realizzazione di un impianto sportivo che, per diversi motivi, da anni non trova pace.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento