alpadesa
  
Flash news:   I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Sorpreso a cedere hashish a un minorenne: studente ventenne di Mercogliano arrestato dai Carabinieri Sibilia in visita alla Lega B: incontro con Balata Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi” Final Eight: la Sidigas Scandone si ferma ai quarti Grande partecipazione all’accensione dei falò in onore dei Santi Patroni Modestino, Fiorentino e Flaviano. FOTO Traforo del Partenio che colleghi Mandamento con la Valle Caudina: lunedì in Regione la firma del protocollo d’intesa A Lumanera, stasera la tradizione rivive a Capocastello

Strage viadotto Acqualonga, chiesti dieci anni ai vertici di Autostrade

Pubblicato in data: 10/10/2018 alle ore:23:22 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Strage viadotto Acqualonga, chiesti dieci anni a testa per i dodici imputati di Autostrade per l’Italia.

Queste le condanne richieste dal pubblico ministero Cecilia Annecchini.

I vertici di Autostrade devono rispondere dell’accusa di concorso formale in disastro colposo e omicidio colposo plurimo per i reati omissivi del mancato controllo e manutenzione delle barriere del viadotto autostradale. Secondo la tesi dei pm, confermata dal perito d’ufficio Felice Giuliani dell’Università di Parma, il degrado dei tirafondi (i cavi d’acciaio che tengono fisse le barriere bordo-ponte) è tra le cause della caduta del pullman. Con una migliore manutenzione, probabilmente, i new jersey avrebbero retto all’urto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento