alpadesa
  
Flash news:   Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di MercoglianoNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Rissa tra immigrati, paura e tensione a Mercogliano Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50

Emergenza smog, l’impegno dei comuni limitrofi ad Avellino

Pubblicato in data: 23/11/2018 alle ore:15:20 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Stop agli abbruciamenti delle stoppie e maggiori controlli delle caldaie fino al 31 dicembre 2018. E’ questo l’impegno che i comuni di Atripalda, Montefredane, Manocalzati, Aiello del Sabato, Capriglia Irpina, Contrada, Grottolella, Ospedaletto d’Alpinolo, Summonte e Monteforte Irpino hanno preso con il comune di Avellino per aiutare il capoluogo a fronteggiare al meglio l’emergenza scaturita dagli sforamenti alle PM10.
Nessun blocco delle auto nei comuni sottoscrittori del Patto ambientale firmato nel gennaio 2017, ma l’impegno a prevedere un piano traffico globale con un’impleentazione dei trasporti. Tra i comuni invitati, mancava quello di Mercogliano.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento