alpadesa
  
Flash news:   I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Sorpreso a cedere hashish a un minorenne: studente ventenne di Mercogliano arrestato dai Carabinieri Sibilia in visita alla Lega B: incontro con Balata Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi” Final Eight: la Sidigas Scandone si ferma ai quarti Grande partecipazione all’accensione dei falò in onore dei Santi Patroni Modestino, Fiorentino e Flaviano. FOTO Traforo del Partenio che colleghi Mandamento con la Valle Caudina: lunedì in Regione la firma del protocollo d’intesa A Lumanera, stasera la tradizione rivive a Capocastello

La clinica Montevergine dona tre defibrillatori all’Abbazia del Loreto e al Santuario

Pubblicato in data: 6/12/2018 alle ore:10:57 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

Nel pomeriggio di ieri, nel Salone degli arazzi dell’Abbazia del Loreto, alla presenza del presidente della clinica Montevergine Giuseppe Profiti, dei componenti del Cda, dei medici, delle autorità civili, militari e religiose; tra loro, i sindaci di Mercogliano e Solofra, Massimiliano Carullo e Michele Vignola, il presidente della Provincia, Domenico Biancardi, la presidente del consiglio regionale, Rosa D’Amelio, e il consigliere regionale, Maurizio Petracca.

La casa di cura ha donato tre defibrillatori ai Benedettini. Uno resterà al Loreto, gli altri saranno collocati al Santuario di Montevergine.

La presenza di un defibrillatore può salvare la vita.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento