alpadesa
  
Flash news:   Grande successo per le Giornate Fai di Primavera. Foto Due goal per tempo e l’Avellino piega la Vis Artena Vucinic: “stiamo attraversando un periodo difficile” Venezia piega la Scandone per 76 a 65 “Fibromialgia, il dolore al femminile”: domani convegno alla Diagnostica Medica di Mercogliano Cammino di San Guglielmo, parte il forum itinerante della “Terra di mezzo” con oltre 130 iscritti Incidente alla rotonda di via Nazionale Torrette, auto si ribalta: un ferito. FOTO Ventimila giovani in corteo contro tutte le mafie Presentate a Loreto le Giornate FAI di Primavera, appuntamento per sabato e domenica Election day, il 26 maggio alle urne per europee e amministrative: in irpinia al voto 46 comuni

Strage bus, assolti i vertici di Autostrade tra le urla dei familiari delle vittime. Condanne per Lametta e Ceriola

Pubblicato in data: 11/1/2019 alle ore:12:51 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Tragedia Pullman4Alle 12 in punto nell’aula di Corte d’Assise del Tribunale di Avellino il giudice monocratico Luigi Buono ha letto il verdetto di primo grado sul processo per la strage del bus che, il 28 luglio 2013, precipitò giù dal viadotto Acqualonga della A16 Napoli-Canosa all’altezza del comune di Monteforte Irpino, causando la morte di 40 persone. Assolto l’ad di Autostrade Giovanni Castellucci. Per lui l’accusa aveva chiesto una condanna a 10 anni di reclusione. L’ad di Autostrade non era presente in aula, con lui assolto anche Antonio Sorrentino e Vittorio Saulino della Motorizzazione. Confermata, invece, la condanna a 12 anni per Gennaro Lametta, titolare di Mondotravel e per Antonietta Ceriola funzionaria della Motorizzazione di Napoli. Sei anni di reclusione, invece, ai dirigenti di Autostrade, Gianluca De Franceschi e Nicola Spadavecchia. Paolo Berti e Gianni Marrone, il primo direttore di tronco di Autostrade e il secondo dipendente della concessionaria, sono stati condannati a 5 anni e 6 mesi. Ritenuti colpevoli anche altri due dipendenti di Autostrade, Michele Renzi e Bruno Gerardi, condannati a 5 anni. Al termine della sentenza è scoppiata la rabbia di alcuni parenti delle vittime, che hanno gridato: «Venduti, avete assolto un assassino», e ancora: «Vergogna, questa non è giustizia».

La Procura di Avellino, direttta dal procuratore capo, dottor Rosario Cantelmo, che era in aula al momento della lettura della sentenza, è pronta a ricorrere in Appello.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento