alpadesa
  
Flash news:   Abellinum Pride, marcia arcobaleno di festa e denuncia: sfilano in duemila. FOTOSERVIZIO Abellinum Pride, le madrine Eva Grimaldi e Imma Battaglia: «ci vuole coraggio in provincia, siamo qui per far progredire il nostro Paese dove manca una legge contro l’omofobia». FOTO Consiglio Comunale, D’Alessio presenta la squadra di governo: “daremo ascolto a tutti i cittadini”. Graziano (M5s) apre al sindaco: vota a favore delle linee programmatiche. FOTO Cambio di denominazione societaria: da Calcio Avellino SSD a.r.l a Unione Sportiva Avellino 1912 s.r.l. Il sindaco D’Alessio vara la giunta: è Stefania Di Nardo il vice sindaco. Ecco gli assessori e le rispettive deleghe Consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica, anche Mercogliano premiata Viadotti insicuri sulla A16, la Procura sequestra anche le corsie Niente Serie B per Taccone: il Tar Lazio respinge il ricorso Brandon Taylor è il neo-playmaker biancoverde Elezione Carmine Zigarelli, congratulazioni dell’Asd Città di Mercogliano

Truffa sui passaggi di proprietà dello auto, al via il processo

Pubblicato in data: 12/2/2019 alle ore:12:56 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Truffa sui passaggi di proprietà dello auto, ha preso il via il processo con una settantina di raggirati tra Ariano, Avellino, Atripalda e Mercogliano. Si è aperto ieri mattina, dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Benevento, nella persona della dottoressa Maria Di Carlo, la prima udienza dibattimentale sull’inchiesta scoppiata ad Ariano Irpino. Il processo è frutto di una maxi operazione denominata “Sogno o son desto” condotta da parte dei Carabinieri di Ariano e scattata nel 2015 in cui sono coinvolti cinque imputati tra titolari, soci e collaboratori di una concessionaria e di due agenzie di pratiche automobilistiche del Tricolle. Il Pm della Procura di Benevento, il Sostituto Procuratore, dottoressa Miriam Lapalorcia, li accusa di truffa e appropriazione indebita, a vario titolo, e ad alcuni di loro di aver fornito «in cambio di un compenso economico falsi certificati sostitutivi della carta di circolazione –  scrive il Pm – anche più volte per il medesimo veicolo, nel quale si attestava falsamente l’attesa del passaggio di proprietà dei veicoli».
Tra i truffati un 41enne di Atripalda, difeso dagli avvocati, Sabino Rotondi e Gerardo De Vinco, nel 2014 si rivolse al titolare di una delle due agenzie automobilistiche di Ariano Irpino per effettuare il passaggio di proprietà della propria Fiat 600 per intestarla alla moglie. Nella circostanza consegnò al titolare dell’agenzia l’originale della carta di circolazione e del certificato di proprietà dell’autoveicolo, con l’accordo di ripassare l’indomani e ottenere il passaggio di proprietà completo. Nei giorni successivi si ripresentò più volte presso l’agenzia per ritirare il passaggio di proprietà come pattuito ma trovò l’ufficio sempre chiuso e l’utenza telefonica spenta. Dopo mesi non ha riavuto restituito non solo il passaggio di proprietà ma nemmeno l’originale del documento di circolazione della Fiat 600. Così decise di rivolgersi ai Carabinieri di Ariano per sporgere denuncia-querela. Da quella e altre denunce gli investigatori dell’Arma dei Carabinieri avviarono un’inchiesta che ha portato ieri mattina alla prima udienza in aula presso il Tribunale di Benevento, competente territorialmente. Dopo ieri si entra nel vivo del dibattimento: la prossima udienza è stata fissata per il 10 giugno in cui verranno ascoltati i testi del Pubblico Ministero, tra cui le persone offese che hanno sporto denuncia all’epoca dei fatti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento