alpadesa
  
Flash news:   Da stasera e fino al 25 agosto a Torelli la 29° sagra delle penne alla boscaiola Buon Compleanno al Vice Sindaco Stefania Di Nardo, gli auguri della famiglia Alto Calore, sospesa erogazione idrica dalle 22 di stasera alle 6 di domani IV Memorial Salvatore Riggiola, successo e partecipazione a campo maggiore a Montevergine Sagra Torelli, Scibelli recupera gratuitamente l’area parcheggio Viabilità, Mercogliano si rifà il look con la nuova segnaletica a Torrette e in via Serroni L’Ente Parco del Partenio programma una serie di attività per la tutela e valorizzazione del territorio Maria Morgante confermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti ASD Mercogliano, al via il calcio a 5 femminile. Appuntamento per l’11 agosto per l’open day Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“

Via Crucis a Mercogliano nel ricordo di Stefano Cucchi

Pubblicato in data: 15/4/2019 alle ore:18:03 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

“La via Crucis non è solo la rievocazione di un dramma avvenuto duemila anni fa ma deve essere la celebrazione della nostra vita con i suoi chiaroscuri”. A parlare è don Vitaliano Della Sala, parroco di Mercogliano, per spiegare la via Crucis dedicata a Stefano Cucchi. Le stazioni che ieri hanno condotto i fedeli dalla chiesa dell’Annunziata a quella di San Giovanni hanno previsto delle meditazioni sul calvario del giovane morto per le percosse ricevute dopo il suo arresto.

“E’ un modo per denunciare le ingiustizie – afferma il prete barricadero  – è stata una decisione presa insieme ai ragazzi dell’oratorio perché la storia di Stefano Cucchi è emblematica, come tante altre tra immigrati e povertà: Stefano – continua don Vitaliano – è stato ingiustamente torturato e poi portato alla morte con i processi che hanno tentato di insabbiare la vicenda. E’ in fondo la metafora di quello che succede a tante persone, un modo originale per incarnare nell’oggi quello che è successo duemila anni fa. Dobbiamo combattere le ingiustizie sempre e comunque perché quella via Crucis subita da Gesù non sia inflitta più a nessuno”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di MercoglianoNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento